Martedì, 16 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Apre i battenti anche in Italia il Museo della... Merda
NEL PIACENTINO

Apre i battenti anche in Italia il Museo della... Merda

ROMA. Esisteva già in altre nazioni, ad esempio in Giappone, ma in Italia ancora non c'era. E non è stato concepito per far ridere, per scandalizzare o per cedere alla volgarità. È infatti stato presentato in una sede più che seria - e cioè al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano - il Museo della Merda di Castelbosco (www.museodellamerda.org).

Non uno scherzo, dunque, ma un'idea dell'imprenditore Gianantonio Locatelli (che gestisce l'azienda agricola Castelbosco, in provincia di Piacenza) e dei curatori Luca Cipelletti, Gaspare Luigi Marcone e Massimo Valsecchi con l'intento di «dare alla merda il valore che ha». Negli spazi del museo e nelle sale del castello - e nella loro versione digitale - trovano e troveranno spazio quelle esperienze estetiche e scientifiche, umane e animali, attuali e passate, che della merda fanno e hanno fatto materia utile e viva. Praticamente e metaforicamente. Dallo scarabeo stercorario, considerato divino dagli egizi (e simbolo del museo), all'utilizzo dello sterco per la costruzione di
architetture nelle più lontane culture del pianeta, dalle antiche civiltà italiche all'Africa, passando per opere storico-letterarie come la Naturalis Historia di Plinio, fino alle ricerche scientifiche più attuali e alla produzione artistica che tocca l'uso e riuso di scarti e di rifiuti. E anche una cacca di dinosauro. Insomma «un gabinetto di curiosità contemporaneo che trova il suo unitario principio guida nella scienza e nell'arte della trasformazione».

«L'azienda agricola di Castelbosco - scrive Massimo Torrigiani, coordinatore del comitato Scientifico del Pac Milano a cui partecipano i curatori del museo - è dedicata alla produzione di latte per il Grana Padano. Ospita 2.500 bovini di razza selezionata, super-efficienti, che producono quotidiana- mente 300 quintali circa di latte e 1.000 di sterco. Una quantità di merda la cui gestione Gianantonio Locatelli, che dell'azienda è proprietario, ha trasformato in un progetto ecologico e industriale avveniristico. Dallo sterco ricava oggi metano, concime per i campi, materia grezza per intonaco e mattoni. E lo fa con sistemi di nuova concezione che oltre a ridurre l'inquinamento atmosferico e la distribuzione di nitrati nel terreno, seguono un principio che ridisegna il ciclo della natura in un circolo virtuoso».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X