Mercoledì, 30 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Carmen Consoli vince il premio Tenco

Carmen Consoli vince il premio Tenco

Per la prima volta il riconoscimento viene assegnato ad una donna. Ma lei è polemica per i tagli alla cultura

MILANO. Premiata e arrabbiata: è la prima donna a vincere il Tenco, con il suo album 'Elettra', ma i riconoscimenti non bastano a togliere l'amaro in bocca a Carmen Consoli per i tagli alla cultura. "Ci dicono che il paese non può mangiare pane e cultura, e allora - si domanda la  'cantantessa' catanese - dovremmo forse mangiare pane e mafia?". "Peppino Impastato - ricorda l'artista - diceva che la cultura avrebbe salvato il nostro paese dalla mafia: se non crei      cultura, sovvenzioni le mafie". Per questo, con la sua Narciso Records, lei dà spazio ai talenti della sua Sicilia: "Nel mio piccolo - racconta - faccio anche spettacoli gratuiti, ma non basta. Se non mangi pane e cultura, da noi finisce che -  ribadisce - mangi pane e mafia". Indignazione civile a parte, la carriera di Carmen vive un momento di grazia, suggellato dal prestigioso riconoscimento sanremese ("il Tenco era il sogno di mio padre, peccato - si dispiace - che non possa vederlo") e dall'uscita del suo primo 'best', 'Per niente stanca', in uscita il 16 novembre. Da brava siciliana scaramantica, lei avrebbe anche fatto a meno di questa raccolta ("ma quale best? - scherza - ancora viva sugno!"), ma      poi dagli obblighi discografici è nata l'occasione per lavorare con artisti che stimava come Tiziano Ferro, autore delle musiche di 'Guarda l'alba', e Mauro Lusini, con cui ha scritto 'AAA cercasi'. Quello con Ferro "é stato un rapporto di 'pizzini': ci lasciavamo - racconta scherzosa - bigliettini nelle reception degli hotel, ma sono molto orgogliosa di questo bambino che porta i nostri geni".
Nella raccolta, un doppio album con 40 pezzi, da 'Confusa e felice' a 'Parole di burro', anche le principali collaborazioni della 'cantantessa', da Bregovic a Battiato, da Angelique Kidjo a Henry Salvador, che "mi ha insegnato tantissime cose - ricorda - con il trasporto di un papà: a Nizza ho aperto il suo concerto e gli ho portato una  torta sul palco perché era il suo 83/o compleanno". Quello con il maestro Battiato, invece, è un rapporto da vicini di casa: "Ci sentiamo per cucinare insieme un piatto di pasta e poi magari finiamo per suonare insieme". Vicino a casa di Battiato, sulla Circumetnea, racconta Carmen entusiasta, è stato girato il video di 'Guarda l'albà: "Siamo stati accolti a Bronte come      dei vecchi parenti e siamo saliti su una splendida littorina del '37 con attori tutti provenienti da Catania''. Lavorare per la sua città e la sua terra è quasi un dovere per la 'cantantessa' che, insieme ai genitori, ha fondato l'etichetta Narciso Records, che produce musica popolare siciliana. "In Sicilia dobbiamo darci da fare perché - spiega - manca qualsiasi forma d'attenzione alla cultura da parte delle istituzioni e questo è pericoloso, soprattutto in questo   momento: al Nord si riesce a fronteggiare la crisi, ma da noi, se non nutri le coscienze con la cultura - conclude amaramente -  le affidi alla mafia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X