Venerdì, 19 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Il siciliano che disegna Zagor

Il siciliano che disegna Zagor

Joevito Nuccio, di Sambuca di Sicilia, chiamato dalla Bonelli editore per tre albi sul celebre personaggio dei fumetti: "Un sogno che si realizza"
Sicilia, Cultura

Sambuca. E´ entrato a far parte dello staff di disegnatori della Bonelli editore, Joevito Nuccio, l´artista sambucese che fin da piccolo nutre una grande passione per i fumetti e in particolar modo per il personaggio di Zagor. "Io non volevo disegnare fumetti, volevo  disegnare Zagor."  A gennaio è uscito il suo primo albo "Plenilunio", da lui interamente  disegnato. Il primo di un´avventura che si compone di tre albi, che sta  continuando a febbraio con l´albo dal titolo "Buio rosso sangue" e che si concluderà a marzo con l'albo "Uomini e lupi".  
Zagor, l´eroe leggendario è stato creato nel 1961 per mano dell´editore Sergio Bonelli, che all´epoca, firmava le sue creazioni con lo  pseudonimo di Guido Nolitta. Oggi a 50 anni dalla sua nascita, Zagor  continua ad essere tra i primi dieci fumetti italiani per vendite mensili, distinguendosi per un numero di circa 50.000 copie.  "Il fumettista -dice  Joevito Nuccio - lavora seguendo la sceneggiatura e disegna ogni  singola scena attenendosi rigorosamente al copione: ricrea l´ambiente descritto mettendo in rilievo particolari importanti per la vicenda,  disegna i primi piani ed opera ad ogni singola inquadratura come se  stesse girando un film. Ogni albo è composto da  94 pagine rigorosamente in bianco e nero.  Il fumetto a colori viene creato solo per gli albi centenari. Molti lettori non sanno che dietro  una distensiva ora di lettura si celano anni di lavoro- spiega Joevito  mostrando i suoi lavori -. Nel creare un nuovo personaggio occorre  forgiare una nuova fisionomia, immaginarsela e generarla attenendosi a  sfumature caratteriali, valorizzandone i tratti somatici; medesimo  lavoro occorre fare quando si realizzano particolari ambientazioni”. Spiega ancora Joevito: "Leggevo decine di fumetti quand´ero piccolo ed  anche grazie a questi, riuscivo a fare i compiti  in classe d´italiano, in maniera impeccabile. Il fumetto è una passione innata. Crescendo c´è chi diventa troppo serio (o serioso) e chi invece continua a leggerli  e, magari, anche a pensare di disegnarli. A me è andata bene”, conclude sorridendo Joevito che in questo mese si recherà a Milano, per partecipare alla fiera del fumetto Cartoomics, come autore.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X