Domenica, 29 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Quesiti sbagliati ai concorsi, 12 siciliani vincono i ricorsi e rientrano in graduatoria
TAR

Quesiti sbagliati ai concorsi, 12 siciliani vincono i ricorsi e rientrano in graduatoria

Erano stati esclusi dopo le selezioni per i bandi del ministero della Giustizia, dell'Ufficio del processo e del ministero dell’Istruzione

Sono 12 i siciliani che sono rientrati in graduatoria dopo i ricorsi davanti al giudice del Tar in tre grandi concorsi, banditi da ministero della Giustizia, Ufficio del processo e ministero dell’Istruzione, assistiti dagli avvocati Francesco Leone e Simona Fell.

I candidati erano rimasti fuori in un primo momento, proprio a causa della presenza di quesiti errati. Una serie di domande annullate alla prova scritta del concorso per 5410 unità al ministero della Giustizia ha portato persino all’assunzione di alcuni ricorrenti che in un primo tempo non avevano raggiunto il punteggio necessario per ottenere l’incarico desiderato. Una delle ultime domande contestate riguardava il numero di fasi del procedimento di revisione costituzionale, ma tra le opzioni mancava la risposta esatta. Scrivono i giudici amministrativi: “Secondo una lettura più che rigorosa le fasi da considerare sarebbero (addirittura) sei (opzione non presente nel quesito). In accoglimento del ricorso, dal punteggio riportato dal ricorrente va eliminata la penalità e aggiunto il punteggio relativo alla risposta esatta».

Stesso discorso anche per il concorso bandito per l’assunzione di 8.171 addetti all’Ufficio del processo. Anche in questo caso diverse domande erano errate e venivano considerate dalla matrice come corrette opzioni di risposta sbagliate. E anche in questo caso, i ricorrenti hanno ottenuto, grazie a un ricorso, l’aggiornamento del proprio punteggio e l’assunzione dall’amministrazione. Infine, anche per il concorso per 304 funzionari al ministero dell’Istruzione, i giudici amministrativi hanno confermato la presenza di domande errate, obbligando l’amministrazione all’aggiornamento del punteggio e a inserire il ricorrente nella corretta posizione della graduatoria. Un aumento che non gli è fruttato l’assunzione, bensì un miglior piazzamento in vista di futuri scorrimenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X