Martedì, 16 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pasqua, tornano dopo 2 anni riti religiosi e processioni: dove si celebreranno e dove saranno vietati
CHIESA

Pasqua, tornano dopo 2 anni riti religiosi e processioni: dove si celebreranno e dove saranno vietati

Messe e processioni come da tradizione, dopo due anni di sospensioni dovuti alla diffusione del Covid. In Sicilia, così come in tutta Italia, dal prossimo 10 aprile, Domenica delle Palme, riprenderanno i riti religiosi. Non in tutti i comuni, però, i parroci consentiranno le processioni. Inoltre, in tempi di guerra, con il doloroso perdurare del conflitto fra Russia e Ucraina, i Vescovi invitano ad evitare i fuochi d'artificio per le prossime feste pasquali.

Palermo, sì ai riti e si esortano i fedeli alla presenza in chiesa

Confermate le processioni di Pasqua a Palermo che richiamano tanti fedeli. Sarà possibile partecipare alla via Crucis cittadina il prossimo 12 aprile alle 21 a Palermo. Il corteo partirà dai Quattro Canti, chiesa di San Giuseppe dei Teatini, e si concluderà in Cattedrale. Alle ore 18 l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, presiederà la celebrazione eucaristica alla quale sono stati invitati tutti i sacerdoti della Chiesa di Palermo e i rappresentanti degli ordini religiosi maschili e femminili presenti nell’arcidiocesi; al termine della celebrazione l’arcivescovo reciterà il testo della preghiera preparata dal Pontefice. Sul sito della Curia di Palermo sta scritto che "è possibile riprendere la pratica delle processioni" ma si richiama poi il "discernimento" dei vescovi per quanto riguarda le situazioni locali, con la possibilità di "adottare indicazioni particolari". Seguono alcuni "orientamenti" per la prossima Settimana Santa, che rimandano a modalità previste dal Messale Romano e aggiungono elementi come la sanificazione della mani e l’uso della mascherina durante il rito della lavanda dei piedi. Il tutto preceduto da una sentita raccomandazione: "Si esortino i fedeli alla partecipazione in presenza alle celebrazioni liturgiche limitando la ripresa in streaming delle celebrazioni e l’uso dei social media per la partecipazione alle stesse".

Trapani

A Trapani ci saranno i Misteri. Dagli orefici ai pescatori, dagli ortolani ai barbieri, dai calzolai ai salinai: sono i membri delle antiche corporazioni che danno vita alla processione dei Misteri del Venerdì Santo a Trapani. Ad ogni rappresentanza dei 20 mestieri è affidata la cura di uno dei grandi gruppi scultorei da portare per le vie della città nella processione del Venerdì Santo, una delle più estenuanti di tutta la Sicilia. I partecipanti rivivono la passione con sofferenza, trasportando i simulacri per 20 ore. Il corteo è ritmato dalla musica della banda, una marcia cadenzata che stabilisce le  “annacate”: i passi dondolanti con cui i portatori incedono sotto il peso delle statue. Verso la mezzanotte la processione arriva in piazza per poi continuare la marcia fino all’alba e sino al pomeriggio del sabato quando i Misteri vengono riportati alla chiesa del Purgatorio.

Caltanissetta

A Caltanissetta l’evento più atteso della Settimana Santa è la processione della Reale Maestranza di mercoledì. Tutte le rappresentanze delle corporazioni cittadine sfilano in corteo accompagnate da una marcia funebre. Ogni partecipante è vestito con abito, farfallina e guanti neri. Dopo la cerimonia nella cattedrale, la processione torna per le strade, ma in segno di gioia ora i devoti indossano guanti e papillon bianchi. La festa si prolunga nel pomeriggio e la sera i ragazzi portano in processione le “Varicedde”, piccoli simulacri che riproducono le statue dei Misteri che sfileranno il Giovedì Santo.

Mazara del Vallo

Dopo due anni di stop, la processione del giovedì Santo di Marsala dovrebbe tenersi. Monsignor Domenico Mogavero, però, ha indicato, nel decreto, che le sequele devono essere autorizzate, di volta in volta, dal Vescovo su richiesta scritta del parroco che deve segnalare orario, modalità di organizzazione e itinerario. Occorrerà dunque attendere l'autorizzazione prima di poter organizzare ogni singola processione.

Modica, stop alle processioni

Modica dove, a causa della nuova impennata dei contagi, (quasi 2mila in più in meno di un mese) il Vicariato ha deciso per la sospensione, inclusa quella della Madonna "Vasa Vasa". In considerazione che la processione del Venerdì Santo e, a maggior ragione, quella della Madonna Vasa Vasa attirano centinaia di fedeli, facendo venire meno le precauzioni e le regole sul distanziamento fisico, il Vicariato ha deciso, per prevenire e contenere la pandemia, di sospenderle. Per quanto riguarda la Madonna Vasa Vasa, i tradizionali baci della Madonna al Figlio Risorto ci saranno ugualmente, ma secondo precise modalità che evitino un incontrollabile assembramento di fedeli, così come restano confermate le celebrazioni liturgiche della Settimana Santa e della Pasqua in ogni chiesa e parrocchia di Modica.

Scicli, niente processioni

Stessa decisione da parte del clero di Scicli e così, per il terzo anno consecutivo, il Cristo Risorto, la statua de "il Gioia", non uscirà dal santuario di Santa Maria La Nova. I parroci, attraverso una nota, fanno sapere di aver "apprezzato positivamente, la scelta della Conferenza Episcopale Siciliana di poter permettere - qualora il Governo deliberi la fine dello stato di emergenza il 31 marzo p.v. - la ripresa delle processioni a partire dalla Domenica delle Palme, disponendo però il divieto dello sparo di fuochi artificiali, in considerazione degli eventi bellici insorti con l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. D'altro lato, però, bisogna riconoscere oggettivamente, come una decisione concreta circa la possibilità e l'opportunità di svolgere le processioni, deve mettere in conto e in debita considerazione diversi fattori interdipendenti tra di loro. Ci riferiamo, specialmente, alla situazione dell'aumento progressivo dei contagi nella nostra città, di cui è impossibile pronosticare al momento la curva di decrescita, e che perciò rende difficile progettare un evento a lunga e media scadenza". Motivi per cui i parroci di Scicli, "sentito i nostri consigli pastorali e tenendo pure in debita considerazione le osservazioni dei fedeli e di tante parti della società cittadina fatteci pervenire in questi giorni, abbiamo deciso - stando così le cose alla data odierna - di sospendere le processioni della Addolorata di Santa Maria la Nova, del Santissimo Crocifisso di San Bartolomeo, del Venerdì Santo (nel Centro Storico, a Donnalucata e a Cava D'Aliga), del Santissimo Sacramento e del Cristo Risorto la Domenica di Pasqua". I singoli parroci, inoltre, valuteranno se sospendere quelle celebrazioni parrocchiali in chiesa che possano generare assembramento dei fedeli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X