Venerdì, 12 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Storia di Uliayana: è incinta a Caserta e manda l'ecografia del piccolo al marito in Ucraina
LA GUERRA

Storia di Uliayana: è incinta a Caserta e manda l'ecografia del piccolo al marito in Ucraina

guerra in ucraina, Sicilia, Cronaca
Profughi ucraini all'arrivo in Moldavia

È a letto molto debole, ma non perde la speranza che la guerra possa finire presto e che possa far nascere la figlia in Ucraina, accanto al marito rimasto in patria per difenderla dall’invasione russa.

È la storia di Uliayana, 34enne incinta di otto mesi arrivata martedì sera a Caserta insieme ai due figli piccoli e ad altri 13 profughi, tutte donne con bimbi; il gruppo dimora presso il b&b gestito a Caserta, in via Marzano, da una famiglia ucraina da tempo residente nel capoluogo della Reggia. Con Uliayana ci sono la figlia di 11 anni e il figlio di 5, il piccolo che appena giunto aveva chiesto se nella struttura vi fossero le cantine in caso di arrivo delle bombe. Il marito di Uliayana è invece rimasto in Ucraina. A informare delle condizioni della 34enne è Ruslana, gestore del b&b.
«Mancano poche settimane al parto - dice Ruslana - ma Uliayana spera davvero che la guerra possa finire per tornare in Ucraina. Al marito, che è rimasto in patria, abbiamo inviato la foto dell’ecografia fatta in ospedale. Sono stati momento molto toccanti». Uliayana è stata anche al pronto soccorso dell’ospedale di Caserta a causa della pressione alta, poi è stata dimessa ma deve stare molto attenta, e non può muoversi dal letto.

Anche gli altri ospiti del b&b stanno meglio. «Sono più sereni - racconta Ruslana - soprattutto i bambini, che sembrano aver dimenticato quello che hanno passato. Anche il piccolo che mi chiedeva se da noi c'erano le cantine per le bombe si è rasserenato ed è il più vivace di tutti, sempre pronto a giocare e a scherzare. La Protezione civile porta continuamente giocattoli, e noi stiamo organizzando momenti per stare insieme, come pizze, giochi. Non hanno però molta voglia di raccontare quello che hanno visto, e se devono farlo si commuovono e piangono».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X