Lunedì, 24 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Giochi in Sicilia, il Governo impugna la modifica sul distanziometro
STOP ALLA NORMA REGIONALE

Giochi in Sicilia, il Governo impugna la modifica sul distanziometro

Il Consiglio dei ministri: "Violata la potestà legislativa sull'ordine pubblico"
giochi, governo, Sicilia, Sicilia, Cronaca
slot machine

Il Consiglio dei Ministri ha impugnato la modifica alla legge della Sicilia sul gioco, approvata lo scorso luglio. La nuova versione della norma regionale, ricorda Agipronews, ha cambiato l'applicazione del distanziometro (300 metri per i comuni inferiori ai 50mila abitanti, 500 metri per i comuni oltre 50mila) nei confronti di apparecchi e sale sommesse già operative prima dell'entrata in vigore della norma. Il Governo ha impugnato, in particolare, la parte in cui viene stabilito che la stipulazione di un nuovo contratto, anche con un nuovo concessionario, non sarà più considerata "nuova installazione". Secondo il Governo, «tale norma eccede dalle competenze attribuite alla Regione» dallo Statuto speciale «e viola la potestà legislativa esclusiva dello Stato in materia di ordine pubblico e sicurezza» stabilita dalla Costituzione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X