Lunedì, 06 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Donne picchiate da mariti violenti, estate nera in Sicilia: banca dati per raccogliere molestie e maltrattamenti
ALLARME

Donne picchiate da mariti violenti, estate nera in Sicilia: banca dati per raccogliere molestie e maltrattamenti

di

Estate di allarme per la violenza in famiglia in Sicilia. Da San Vito Lo Capo a Messina, passando per Augusta, l'intera Isola è stata interessata dal fenomeno che, nei casi più bui, è sfociato nel femminicidio, come quello di Vanessa Zappalà ad Aci Trezza lo scorso 23 agosto. A Caccamo, invece, i genitori di Roberta Siracusa, uccisa la notte tra il 23 e il 24 gennaio, hanno voluto ricordare la figlia nel giorno in cui avrebbe compiuto diciotto anni, il 19 agosto.

L'escalation di maltrattamenti in famiglia non si è fermata ed gli episodi di violenza continuano a manifestarsi in tutta la Sicilia. Vittime di questi atti sono spesso donne, sia che si tratti della compagna convivente, della moglie o della ex, la violenza non guarda in faccia a nessuno e spesso coinvolge anche altri membri di una famiglia che cerca di difendersi facendo scudo, come madri, suocere e cognate. Ma anche bambini, figli minori costretti a subire o osservare inermi violenze e maltrattamenti da uomini che dovrebbero rappresentare una figura paterna in famiglia.

Violenza sulle donne, un database contro i femminicidi

All'indomani della morte di Vanessa Zappalà per mano dell'ex compagno, Antonino Sciuto, il direttore centrale anticrimine della polizia di Stato, Francesco Messina, ha lanciato l'allarme sul fenomeno della violenza sulle donne.

Molte donne hanno trovato il coraggio di denunciare, ma questo, stando ai fatti, non basta a difenderle. Per ogni segnalazione, ha fatto sapere Messina, viene compilata una scheda che rientra nel database "Scudo" contro i femminicidi. Le schede raccolte sono già 60 mila e questo permette di intervenire prima che accada il peggio, grazie alla condivisione di informazioni tra i vari organi, che intervengono tempestivamente. Spesso, però, si trascurano dettagli che vengono ritenuti insignificanti ma che invece, precisa ancora una volta Messina, devono essere raccolti e interpretati "anche se non sono tali da fare scattare un'indagine, anche se la vittima dice che non vuole denunciare".

Nonostante i provvedimenti, le violenza continuano a verificarsi e raccogliendo solamente gli episodi degli ultimi giorni di agosto, viene fuori un elenco dell'orrore. C'è chi agisce per gelosia, chi cerca denaro per procurarsi droga, chi sente lesa la propria dignità di fronte ad una richiesta di divorzio, le cause sono le più disparate, ma nessuna di loro può giustificare gli atti compiuti. Le ultime tre notizie sono giunte nella mattinata di oggi.

Augusta, picchia la moglie che chiedeva il divorzio: arrestato

La Polizia di Stato ha arrestato ad Augusta, nel Siracusano, un uomo di 54 anni ritenuto responsabile di maltrattamenti a carico dell'ex moglie, con l'aggravante di aver commesso i fatti in presenza dei figli minori.

La donna, già dal 2017, era vittima di continue vessazioni, insulti e violenze fisiche e morali da parte del marito, un professionista, che l'accusava di avergli rovinato la reputazione chiedendo la separazione. Secondo l'uomo avrebbe rovinato così l'immagine di famiglia perfetta che pretendeva di mantenere e continuava la convivenza nello stessa abitazione facendo leva sulle difficoltà economiche della donna che, non svolgendo alcuna attività lavorativa, era impossibilitata a mantenere sé e i tre figli.

L'uomo, al quale qualche giorno fa è stato notificato il provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla ex moglie, ha disatteso il provvedimento minacciando e picchiando la donna. I giudici hanno deciso l'aggravamento delle misure cautelari e l'uomo è stato posto agli arresti domiciliari.

Rompe il naso alla compagna, messinese arrestato

I poliziotti delle volanti hanno arrestato e posto ai domiciliari un messinese di 43 anni ritenuto responsabile di lesioni aggravate, violenza privata e tentata estorsione ai danni della convivente e l'hanno anche denunciato per maltrattamenti in famiglia e sfruttamento o favoreggiamento alla prostituzione.

Ieri sera gli agenti sono intervenuti in via Palermo, chiamati da un collega libero dal servizio, che aveva assistito a una violenta aggressione da parte di uomo ai danni di una donna, a bordo di un'auto. La vittima, una romena, nel frattempo soccorsa dall'agente libero dal servizio, aveva vistose ferite sanguinanti al capo e al viso, successivamente refertate come "trauma cranico con ferita lacero contusa e frattura delle ossa nasali".

La donna - che si prostituisce e che da alcuni mesi intrattiene una saltuaria relazione con l'uomo - terrorizzata, ha spiegato che il suo compagno l'aveva picchiata per essersi rifiutata di consegnargli 40 euro, colpendola prima in testa con una bottiglia e poi, a bordo dell'automobile, sbattendole il volto violentemente contro il cruscotto.

Picchia la compagna dopo l'ennesima lite, arresto a San Vito Lo Capo

Un ventiquattrenne di San Vito Lo Capo, G.V., è stato arrestato dai carabinieri per maltrattamenti in famiglia e danneggiamento.

Il giovane, pregiudicato, era sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. I carabinieri lo hanno arrestato dopo che l’uomo, ubriaco, ha picchiato la compagna convivente al culmine dell’ennesima lite, mentre questa, terrorizzata, chiedeva aiuto a gran voce.

Le urla della donna hanno attirato l’attenzione dei vicini che hanno cercato di fermare l’uomo, il quale, a sua volta, ha risposto lanciando una bottiglia e danneggiando la finestra di una abitazione vicina alla sua.

I carabinieri giunti sul posto hanno riportato l’ordine e il giovane è stato arrestato e posto ai domiciliari con applicazione del braccialetto antistalking.

Tossicodipendente minaccia i genitori per soldi, arrestato a Trapani

La polizia ha fatto sapere ieri, 27 agosto, di aver arrestato un uomo di 35 anni con problemi di tossicodipendenza. Da tempo maltrattava i genitori, estorcendo loro denaro, minacciandoli e distruggendo arredi e suppellettili della loro casa. L'uomo, accusato di estorsione e maltrattamenti in famiglia, è stato condotto in carcere.

Castellammare, maltratta e violenta la convivente: arrestato

Un romeno di 45 anni è stato arrestato, e posto ai domiciliari con braccialetto elettronico, dalla polizia di Castellammare del Golfo (Trapani), su ordinanza del Gip. E' accusato di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale nei confronti della convivente. La donna, secondo quanto ha fatto sapere la polizia lo scorso 26 agosto, aveva denunciato i fatti, già nel 2012, ma poi aveva rimesso la querela.

La nascita di due figli non ha affatto migliorato il rapporto di convivenza tra i due, e da qui la nuova denuncia, dopo che la vittima era anche finita in ospedale. Allontanatasi da casa, la donna continuava a subire l'atteggiamento vessatorio e intimidatorio del convivente, che pedinava la vittima, tartassandola di messaggi e telefonate e minacciandola di morte.

Trapani, cerca di dare fuoco alla casa della ex: arrestato

Da anni maltrattava e perseguitava la compagna, l'uomo arrestato nei giorni scorsi dagli agenti della Polizia di Stato di Trapani, mentre era in procinto di dare fuoco all'abitazione della donna. L'uomo, un quarantaseienne con precedenti di polizia, sistematicamente minacciava la sua compagna, chiedendole inoltre somme di denaro e costringendola a lasciarlo coabitare nella sua casa.

Dopo anni di vessazioni, nei mesi scorsi la vittima si era decisa ad allontanarlo ma l'indagato aveva iniziato a tormentarla sia presentandosi sotto l'abitazione, sia molestandola insistentemente con il telefono, formulando nuove insistenti richieste di denaro. L'epilogo della vicenda si è verificato qualche giorno fa quando l'uomo si è presentato sotto casa con una tanica di benzina per dar fuoco all'appartamento. Tempestivo l'intervento degli agenti della squadra volante e della squadra mobile della questura di Trapani, che lo hanno bloccato. Per l'uomo sono scattate così le manette con l'accusa di atti persecutori ed è finito in carcere.

Tenta di uccidere la moglie, arrestato a Messina

I poliziotti delle volanti hanno eseguito una ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Messina, nei confronti di un cittadino tunisino di 55 anni ritenuto responsabile di tentativo di omicidio e maltrattamenti in famiglia ai danni della moglie.

Le indagini hanno avuto inizio a seguito di intervento degli poliziotti allertati da una segnalazione di lite, nell'abitazione della coppia. L'uomo in preda a un raptus d'ira, per motivi di gelosia, aveva aggredito la donna tentando di strangolarla. Grazie all'intervento della figlia maggiore la vittima riuscì a liberarsi dalla presa e a fuggire. Dai successivi accertamenti è emerso che l'episodio non costituiva un caso isolato e che da tempo l'uomo maltrattava la donna anche in presenza dei figli, alternando minacce e insulti a un atteggiamento autoritario. Tanti gli episodi di violenza fisica e morale.

Catania, botte e minacce di morte alla moglie: "Ti ammazzo e ti do ai cani"

Ha picchiato e minacciato di morte la moglie, puntandole un coltello alla gola davanti ai loro figli urlandole contro "ti ammazzo e faccio pezzi così piccoli di te da dare da mangiare ai cani!".

E' uno degli episodi della "condotta persecutoria posta in essere nel tempo" che la Procura di Catania ha contestato a un 49enne che è stato arrestato da carabinieri del comando provinciale etneo per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. Nei suoi confronti il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Secondo l'accusa, lo scorso giugno la donna, mentre erano in auto, ha comunicato al marito la sua intenzione di trasferirsi temporaneamente a casa dei genitori. La reazione dell'uomo, ricostruisce la Procura di Catania, è stata "furiosa": il 49enne ha fermato la vettura e ha spinto fuori dal veicolo la moglie, andando via. Quando la donna, che vagava per le campagne da sola, ha fermato un camionista per un passaggio, il marito, che la seguiva, l'ha aggredita urlandole: "brava... te ne saresti andata con il primo che capita!".

Quando un automobilista è intervenuto in soccorso della donna, il marito l'ha costretta a mettersi in ginocchio e l'ha violentemente percossa con calci e pugni. L'odissea si è conclusa dopo che la vittima è riuscita ad avvisare telefonicamente il figlio e suoi familiari, compresa la figlia, si sono messi alla sua ricerca lanciando l'allarme ai carabinieri. Il fratello della donna è riuscito a intercettare la sorella e in cognato vicino al bivio Iannarello, tra Catania e Ramacca. Grazie all'intervento dei militari dell'Arma il 49enne ha fatto scendere dall'auto la moglie che, poi in caserma, lo ha denunciato. L'uomo è stato condotto in carcere.

Noto, autoerotismo davanti a figlia 2 anni e violenze sulla moglie

Gli agenti del commissariato di Noto hanno arrestato nei giorni scorsi un uomo, di 43 anni, ritenuto responsabile di maltrattamento in famiglia, lesioni personali aggravate, atti sessuali e corruzione di minorenne aggravata. L'indagato avrebbe anche compiuto atti di autoerotismo davanti alla figlia di due anni.

L'uomo è finito in manette dopo la denuncia presentata dalla moglie lo scorso novembre, quando la donna fu aggredita in modo violento, tanto da indurre i vicini di casa a richiedere l'intervento delle forze dell'ordine. Gli approfondimenti investigativi hanno permesso di accertare pregressi casi di aggressione mai denunciati, durante i quali il quarantaduenne aveva lanciato contro la donna ogni tipo di oggetto (anche un'aspirapolvere), non risparmiandole calci e pugni.

La donna veniva etichettata con parole oltremodo offensive della sua dignità. La vittima ha riferito di comportamenti anomali tenuti dall'indagato anche nei confronti della figlia che, al momento della denuncia aveva solo 2 anni: l'uomo pretendeva di stare da solo con la bambina a letto e, quando la moglie si rifiutava di avere rapporti sessuali, compiva atti di autoerotismo, alcuni in presenza della minore.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X