Mercoledì, 29 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I giovani spingono le vaccinazioni, week end da record: obiettivo immunità di gregge a settembre
LA CAMPAGNA

I giovani spingono le vaccinazioni, week end da record: obiettivo immunità di gregge a settembre

coronavirus, vaccini, Sicilia, Cronaca
Una ragazza riceve la dose di vaccino

I giovani spingono la campagna vaccinale anti-Covid. E' stato un week end da record per le somministrazioni in Italia, tanto che per il secondo giorno consecutivo sono state raggiunte le 600mila iniezioni nell'arco di 24 ore, superando abbondantemente un milione di dosi in due giorni.

Ieri infatti le inoculazioni sono state 598.582, ma il numero è destinato a crescere ulteriormente nelle prossime ore mentre nella giornata di venerdì era stato registrato il record assoluto di 607mila vaccinazioni. Un ritmo sostenuto che fa ben sperare sul raggiungimento dell'immunità di gregge, previsto per metà settembre. "Il mese di luglio sarà la svolta completa e assoluta - spiega il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri - avremo superato la metà della popolazione con almeno una dose di vaccino e per settembre-ottobre si prevede di raggiungere una "protezione di comunità".

Intanto è previsto per la prossima settimana l'arrivo di circa 4,1 milioni di dosi di vaccino in Italia: nello specifico, si prevedono 3 milioni di Pfizer, 500mila di Vaxzevria (Astrazeneca), 400mila di Moderna e 200mila di Janssen (Johnson & Johnson).
A chiedere di vaccinarsi ora, con l'estate alle porte, sono soprattutto i giovani: a Torino, la notte scorsa, si sono svolte vaccinazioni a suon di musica, con tanto di dj set. Esaurite in pochi minuti le prenotazioni, sono stati mille i giovani tra i 18 e i 28 anni che, tra le 21.30 e le 3.30, sono stati vaccinati nell'hub Reale Mutua. Giovani e giovanissimi, età media 28 anni sono coloro che da questa mattina alle 8 hanno partecipato al secondo open day per il vaccino anti-Covid organizzato dall'Ausl Bologna al palazzetto dello sport di Calderara di Reno. Archiviate le scene di ressa e le successive polemiche per l'accesso libero del 2 giugno in fiera nel capoluogo emiliano, per questa seconda giornata gli accessi all'hub vaccinale si dovevano prenotare preventivamente online.

L'assalto c'è stato ma ieri e solo virtuale, con 2.500 prenotazioni in appena due minuti.  Al via da lunedì, in tutta l'Emilia-Romagna, le prenotazioni per fissare data, ora e luogo della somministrazione del vaccino anti Covid per i cittadini con meno di 40 anni: a cominciare dai ragazzi tra i 12 e i 19 anni, lunedì e martedì 8. Preadesioni per i maturandi aperte anche in Umbria.

A Rieti c'è stato il sold out per primo Junior Open day del Lazio dedicato ai ragazzi tra i tra i 12 e i 16 anni: previste inizialmente 120 dosi sono state poi raddoppiate per la grande richiesta. C'è stato anche chi, per il timore di non riuscire a prendere il numero, ha raggiunto l'ospedale provinciale de' Lellis già ieri sera. E a testimonianza che sono i giovani ora a trainare la campagna nella giornata di ieri nel Lazio sono state somministrate 64.767 dosi, il dato più alto di somministrazioni quotidiane registrato dall'inizio della campagna vaccinale.
Sono arrivate invece in queste ore le prime dosi di vaccino Johnson e Johnson nelle farmacie di Napoli e provincia che, a partire da domani, inizieranno le vaccinazioni di cittadini di età compresa tra i 18 ed i 59 anni.

In Sicilia invece è partita la tre giorni di AstraZeneca per gli over 18. L'iniziativa è scattato alle 19 fino a mezzanotte.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X