Sabato, 08 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Riaperture, Crisanti: "Stupidaggine epocale, l'Italia è ostaggio di interessi politici"
IL VIROLOGO

Riaperture, Crisanti: "Stupidaggine epocale, l'Italia è ostaggio di interessi politici"

coronavirus, Riaperture, Andrea Crisanti, Sicilia, Cronaca
Il virologo Andrea Crisanti

"Le riaperture sono una stupidaggine epocale. Rischio calcolato? Di calcolato vedo ben poco e il vero rischio è giocarci l’estate". Lo dice Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia a Padova, in un’intervista al quotidiano La Stampa.

Le riaperture, secondo Crisanti, sono state decise perché "purtroppo l’Italia è ostaggio di interessi politici di breve termine, che pur di allentare le misure finiranno per rimandare la ripresa economica".

"Da settimane viaggiamo tra i 15 e i 20 mila casi al giorno: un plateau altissimo, che non consente di progettare riaperture - aggiunge Crisanti - La decisione è stata presa e il governo se ne assumerà la responsabilità. L’unica sarebbe potenziare la vaccinazione, ma tra forniture, disorganizzazione e diffidenza verso AstraZeneca pare difficile superare quota 350 mila".

Meglio sarebbe stato rinviare le riaperture a giugno? "Non è una mia opinione, ma di chiunque si basi sui dati. Sento parlare di rischio calcolato, ma come? Di calcolato vedo ben poco e il vero rischio è giocarci l’estate. Allora diciamolo chiaramente: la scommessa è riaprire ora per vedere se a giugno dobbiamo richiudere tutto".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X