Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Aulin o Aspirina subito ai primi sintomi, uno studio indica come e quando curare il Covid a casa
LA RICERCA

Aulin o Aspirina subito ai primi sintomi, uno studio indica come e quando curare il Covid a casa

Assumere Aulin o Aspirina sin dai primi sintomi del Covid, ai primi giorni dal contagio. Potrebbe essere questa una possibilità per curare il Covid a casa, naturalmente con il monitoraggio del proprio medico di base. Sono i dati emersi da uno studio condotto dall'Istituto Mario Negri da Fredy Suter, primario da 11 anni delle Malattie Infettive dell'ospedale di Bergamo, con il professor Giuseppe Remuzzi.

In un'intervista al Corriere della Sera, Fredy Suter spiega il suo studio: 90 pazienti curati a casa con gli antinfiammatori ai primi sintomi, ancora prima del tampone. Di questi «solo due sono stati ricoverati: è il 2,2%», spiega il medico.

Non una cura fai da te, attenzione, perchè a seguire i pazienti c'erano i medici di base, 7 quelli coinvolti nello studio, che hanno accettato di provare questo approccio. «I dati di questi 90 pazienti li abbiamo confrontati con quelli di 90 pazienti dello studio genetico Origin del Mario Negri, in Valle Seriana, che non erano stati trattati curati con antinfiammatori. In questo secondo gruppo i ricoverati sono stati 13, cioè il 14,4%. Ovviamente, tra i due gruppi sono state scelte persone omogenee per età, comorbilità, genere», spiega nell'intervista Suter.
Secondo questo studio, nei primi giorni farmaci come l'Aulin e l'Aspirina possono dare una risposta antinfiammatoria che entro certi limiti è protettiva. «L’ho provato sui miei pazienti, due mesi e mezzo fa, prima pochi poi una quarantina, ed è diventato una proposta studiata dall’Istituto Mario Negri».

Una cura, insomma, che potrebbe funzionare nei primi giorni dal contagio. Ma attenzione, mai osare col fai da te. È evidente che il medico di base è fondamentale. «Non bisogna ricorrere al fai da te - raccomanda Suter nell'intervista -, perché si tratta comunque di composti che hanno una certa tossicità, per esempio per lo stomaco e il fegato. Solo il medico sa che cosa usare e con quali pazienti».

Lo studio è stato pubblicato, non è scientificamente perfetto «ma questi risultati sono decisamente incoraggianti, anche se necessitano di conferme. Credo che per i medici di medicina generale sia una grande occasione, per essere primi attori della gestione del proprio paziente: tutti sono in grado di curare con l’Aulin o simili, certo, serve che siano attivi e visitino assiduamente i malati», sottolinea il primario al Corriere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X