Martedì, 13 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vaccini dai medici di famiglia anche in Sicilia, trattativa con la Regione ma ci sono nodi da sciogliere
L'ACCORDO

Vaccini dai medici di famiglia anche in Sicilia, trattativa con la Regione ma ci sono nodi da sciogliere

Il via libera potrebbe arrivare mercoledì. Il piano è quello di permettere la somministrazione dei vaccini anti-Covid da parte dei medici di famiglia anche in Sicilia, così da allargare la platea e raggiungere il prima possibile l'obiettivo di vaccinare al più presto il maggiore numero di persone.

Ieri un incontro fra i sindacati dei medici e l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. L'idea - scrive Giacinto Pipitone sul Giornale di Sicilia in edicola - è provare a mettere in campo quanto già si sta facendo a livello nazionale: un piano per delegare ai medici di famiglia la vaccinazione dei più anziani e dei pazienti non autosufficienti.

L’accordo siglato domenica a Roma deve ancora trovare una sua formula in Sicilia. E dunque bisognerà ancora lavorare per superare alcune difficoltà emerse ieri: in primis quelle logistiche, poi quelle economiche.

Il piano nazionale che la Regione vuole ricalcare prevede che da subito i medici di famiglia affianchino le Usca e gli hub appena creati per vaccinare quante più persone possibile. Razza ieri ha illustrato ai sindacati una tabella di marcia che già dalla prima decade di marzo porterebbe i medici di famiglia a vaccinare a domicilio gli anziani, in particolare quelli non autosufficienti, e i pazienti che hanno altre patologie che rendono pericoloso o difficoltoso uscire di casa per recarsi nei centri individuati dalle Asp per la somministrazione.

Fin qui tutti d’accordo. E questo è un primo passo visto il flop di tentativi simili per affidare ai medici di famiglia i tamponi e i certificati di guarigione. Ma sono emerse alcune difficoltà: «La prima - spiega Luigi Galvano, leader della Fimmg, il sindacato più rappresentativo - riguarda la dotazione di vaccini. Il nostro compito sarebbe più semplice e più opportuno quando la Regione avrà un numero sufficiente di vaccini di Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson, che sono quelli per cui non è necessaria la conservazione a temperature polari e dunque risultano più facili da somministrare».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X