Venerdì, 19 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sgombero hotspot migranti, richiesta di audizione della Regione mandata alla "mail sbagliata"
LA RICHIESTA

Sgombero hotspot migranti, richiesta di audizione della Regione mandata alla "mail sbagliata"

La Regione Siciliana ha «formalmente presentato» la richiesta di audizione davanti a Tar Palermo dopo la decisione del Governo nazionale di impugnare l’ordinanza del presidente Nello Musumeci di chiusura dei centri per migranti nell’isola, poi sospesa cautelativamente, ma «ad un indirizzo telematico errato» e «comunque tardivamente».

Lo afferma l'ufficio stampa della Giustizia amministrativa in merito alle affermazioni del governatore che «ha più volte dichiarato che il Tar Palermo ha deciso 'senza neppure ascoltare la Regione, accuse rincarate nel corso della trasmissione condotta da Stefano Porro, Quarta Repubblica del 31 agosto, in cui ha affermato 'il Tar non ci ha voluti ascoltare... è normale che questo possa avvenire all’interno di una strategia...'"

L'Ufficio stampa della Giustizia amministrativa, in una nota, precisa che «l'audizione delle parti nel giudizio cautelare monocratico non è obbligatoria» e che «la richiesta audizione è stata sì formalmente presentata, ma ad un indirizzo telematico errato, non idoneo alla ricezione degli atti processuali, e comunque tardivamente, sicché, per fatto imputabile alla stessa Regione Siciliana, tale richiesta non è stata tempestivamente acquisita nel fascicolo processuale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X