Venerdì, 07 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rubano fondi per aprire un finto pastificio, maxi sequestro tra Agira e Messina
TRUFFA "BIO"

Rubano fondi per aprire un finto pastificio, maxi sequestro tra Agira e Messina

Avevano organizzato tutto nei dettagli. Dopo aver progettato l'apertura di un pastificio «biologico ed oligominerale», hanno ottenuto i fondi pubblici necessari senza però mai realizzare l'azienda. Per questo la guardia di finanza del Comando provinciale di Enna ha sequestrato conti correnti e immobili, per un importo complessivo di mezzo milione di euro, a degli imprenditori della provincia di Enna e di Messina.

Dovevano produrre pasta biologica dai migliori grani siciliani nel territorio di Agira (Enna), ma il pastificio è stato realizzato solo sulla carta. E per realizzare questo progetto, una start-up innovativa messinese ha avuto accesso nel 2018 a un finanziamento aziendale per 500 mila euro quasi integralmente garantito dallo Stato, per la ristrutturazione e la messa in funzione di un preesistente pastificio chiuso da tempo.

E infatti la scelta di Agira, quale sede operativa della società, costituiva un valore aggiunto al progetto. Il territorio presenta numerosi ettari di terreni coltivati e coltivabili e, soprattutto, ampi spazi dedicati a tra le più pregevoli qualità di grano siciliano.

Le Fiamme gialle hanno, però, scoperto che il progetto era solamente sulla carta e finalizzato a una truffa per ottenere i fondi pubblici, di quello che doveva essere un volano dell’economia green agirina ma che era rimasto un fabbricato in totale stato di abbandono.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X