Lunedì, 19 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Borsellino 28 anni dopo, Mattarella: "Non si arrese mai contro mafia, attacchi e ostilità"
VIA D'AMELIO

Borsellino 28 anni dopo, Mattarella: "Non si arrese mai contro mafia, attacchi e ostilità"

Quella di Paolo Borsellino è stata una figura di «magistrato esemplare», caratterizzata dalla «ferma volontà di andare avanti, di non arrendersi anche di fronte a rischi, ad attacchi, a incomprensioni e ostilità». Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 28esimo anniversario della strage di via D’Amelio.

«Il 19 luglio del 1992 - afferma il capo dello Stato - una terribile esplosione in via D’Amelio a Palermo spezzava la vita di Paolo Borsellino e di cinque agenti della sua scorta, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Desidero ricordarli, rinnovando vicinanza e partecipazione al lutto inestinguibile delle loro famiglie». «A distanza di tanti anni - prosegue Mattarella - non si attenuano il dolore, lo sdegno e l’angoscia per quell'efferato attentato contro un magistrato simbolo dell’impegno contro la mafia, che condivise con l’amico inseparabile Giovanni Falcone ideali, obiettivi e metodi investigativi di grande successo.

Borsellino - sottolinea il presidente - rappresentava, con la sua personalità e i suoi comportamenti, tutto ciò che la mafia e i suoi accoliti detestano e temono di più: coraggio, determinazione, incorruttibilità, senso dello Stato, conoscenza dei fenomeni criminali, competenza professionale.

Accrescevano la sua fama di magistrato esemplare la semplicità e la capacità di fare squadra, lontano da personalismi e desideri di protagonismo. Vi si aggiungeva la ferma volontà di andare avanti, di non arrendersi anche di fronte a rischi, ad attacchi, a incomprensioni e ostilità».

Il capo dello Stato si dice «particolarmente vicino ai figli di Paolo Borsellino in questa triste ricorrenza. Come sperimentano quotidianamente, nulla può colmare una perdita così grave. La limpida figura del giudice Borsellino - che affermava, che chi muore per la legalità, la giustizia, la liberazione dal giogo della criminalità, non muore invano - continuerà a indicare ai magistrati, ai cittadini, ai giovani la via del coraggio, dell’intransigenza morale, della fedeltà autentica ai valori della Repubblica», conclude Mattarella.

C'è il sole oggi su Palermo. E su via D’Amelio, centro oggi delle iniziative. Il Centro studi Paolo e Rita Borsellino e le Agende rosse, familiari delle vittime, diversi cittadini si sono radunati stamane davanti all’Albero della pace, portato qui da Gerusalemme per volontà della madre di Paolo Borsellino. E’ piantato nel cratere della strage.

Da allora tantissimi sono venuti per lasciare un segno del passaggio e del loro impegno. Anche oggi in tempo di Covid ci sono piccoli doni, simboli, cappellini, emblemi di «una memoria operante», è stato detto stamane dai rappresentanti del Centro studi Borsellino.

L’appuntamento del 19 luglio, tradizionalmente rivolto a bambine e bambini, ragazze e ragazzi quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, non vede la loro animata presenza in via D’Amelio, ma restano forti le suggestioni. La mattinata, coordinata dalla professoressa Viviana La Rosa, è dedicata alle letture di testi, proiezioni video e alla proclamazione in diretta streaming dei vincitori del concorso nazionale «Quel fresco profumo di libertà (quinta edizione)», organizzato congiuntamente dal ministero dell’Istruzione e dal Centro studi «Paolo e Rita Borsellino».

«Per me è stata un’immersione totale nei temi che una città come Palermo propone: legalità in primo piano, quindi, e le interdittive adottate i provvedimenti collaterali e necessari. Ma poi ci sono altri temi da affrontare, collegati all’emergenza pabdemioca in corso e quindi alla necessità di favorire una ripresa». L’ha detto il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani, in via D’Amelio, nel corso delle manifestazioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X