Venerdì, 30 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scuola, allarme maturità: mancano ancora molti commissari esterni per paura dei contagi
ESAMI

Scuola, allarme maturità: mancano ancora molti commissari esterni per paura dei contagi

MATURITà, scuola, Lucia Azzolina, Sicilia, Cronaca
Il ministro Lucia Azzolina

Allarme in vista degli esami a poco più di due settimane dalla maturità: il problema, almeno in alcune regioni, è legato alla nomina dei presidenti delle commissioni degli esami di maturità si presenta problematica, almeno in alcune regioni.

Le defezioni sono forti soprattutto in Lombardia, dove i timori di contagi da parte dei docenti sono ancora forti. La situazione è denunciata da varie sigle sindacali del mondo della scuola.

Alcuni uffici scolastici regionali già nei giorni scorsi hanno fatto una seconda chiamata e un appello al senso di responsabilità; nei prossimi giorni dovranno agire d'ufficio per trovare i presidenti di Commissione ancora mancanti all'appello.

Intanto nei giorni scorsi è arrivata la nota del Ministero dell'Istruzione a dare un chiarimento per i commissari interni degli esami di Stato: specifica che il commissario interno che dovesse avere una patologia che lo espone a rischio contagio potrebbe fare - presentando certificazione medica - gli esami in videoconferenza o in altra modalità telematica sincrona, qualora risulti per essi, da apposita certificazione medica, il rischio di contagio.

Anche i candidati degenti in luoghi di cura od ospedali, detenuti o comunque impossibilitati a lasciare il proprio domicilio nel periodo dell'esame, inoltrano al dirigente scolastico prima dell'insediamento della commissione o, successivamente, al presidente della commissione d'esame, motivata richiesta di effettuare il colloquio fuori dalla sede scolastica, corredandola con la necessaria documentazione. Il dirigente scolastico - o il presidente della commissione - dispone la modalità d'esame in videoconferenza o in altra modalità telematica sincrona.

L'ALLARME DEI PRESIDI. Mancano a livello nazionale un po' meno del 10% delle nomine dei presidenti di Commissione ed è necessario intervenire con urgenza. Questi i dati forniti dall'Associazione nazionale presidi (Anp) che ha tenuto oggi, in videoconferenza, una riunione informativa con il ministero dell'Istruzione sulla imminente emanazione dell'ordinanza ministeriale per assicurare il reperimento urgente dei presidenti delle commissioni d'esame conclusivo del secondo ciclo. La situazione è molto diversificata a livello regionale: le Regioni con più difficoltà sono la Lombardia, l'Emilia-Romagna, il Veneto e la Toscana. L'Ordinanza fornirà ai direttori degli Uffici scolastici regionali lo strumento normativo per provvedere alle nomine d'ufficio, anche derogando all'ordinario requisito, per i docenti, di dieci anni di anzianità di ruolo. Come ultima possibilità, potranno essere assegnate più commissioni allo stesso Presidente. Anp ha richiesto che non si ricorra a questa evenienza, in quanto si aggraverebbe eccessivamente la funzione dei presidenti.

Il ministero dell'Istruzione ha anche fatto sapere che i dati sulla partecipazione dei dirigenti scolastici del primo e del secondo ciclo sono del tutto in linea con quelli dello scorso anno. "Questo conferma, ancora una volta, quanto l'Anp sostiene da sempre: i colleghi si distinguono - soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà - per l'altissimo senso di responsabilità e, quando devono garantire il servizio, sono pronti a farlo", fa notare l'Associazione nazionale presidi. Quanto alla richiesta che non siano assegnate più commissioni allo stesso presidente, viene avanzata perchè secondo i dirigenti scolastici si aggraverebbe eccessivamente la funzione dei presidenti: non si consentirebbe loro di presenziare a tutti i colloqui oppure si produrrebbe un prolungamento delle operazioni d'esame.

Oggi, intanto, su Facebook il ministro Lucia Azzolina ha inviato un messaggio di ringraziamento, "In questa giornata il mio ringraziamento più sentito va a tutti i genitori che in questi mesi di emergenza hanno seguito i loro figli nella didattica a distanza, che hanno fatto un lavoro straordinario a supporto della scuola. La comunità scolastica è esattamente questo: fare ciascuno la propria parte, dare man forte affinché il sistema possa funzionare. Grazie all'impegno di tutti la scuola non si è fermata. E tornerà più forte di prima, a settembre, quando i ragazzi potranno tornare nelle aule, con i loro insegnanti. Stiamo lavorando per questo. Senza sosta. Consapevoli delle difficoltà, ma certi che tutti uniti ce la faremo".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X