Venerdì, 05 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Inchiesta "buche d'oro", Anas chiede un risarcimento di 10 milioni
IL PROCESSO

Inchiesta "buche d'oro", Anas chiede un risarcimento di 10 milioni

Buche d'oro, Sicilia, Cronaca
Anas

L’Anas, che si è costituita parte civile nel processo avviato dal Tribunale di Catania contro dipendenti e imprenditori coinvolti nell’inchiesta "Buche d’oro", ha chiesto un risarcimento danni di 10 milioni di euro. Lo rende noto la Società, sottolineando in una nota che "Anas è infatti risultata parte offesa e danneggiata in relazione ai delitti contestati nella richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura che, come noto, fanno riferimento a un sistema corruttivo posto in essere in concorso da dipendenti Anas e imprenditori, finalizzato a garantire controlli accomodanti nella fase esecutiva dei lavori svolti in difformità a quanto previsto dal contratto, a fronte di corrispettivi in danaro".

"La richiesta di risarcimento è stata formulata - prosegue la nota - tenendo conto del danno, patrimoniale e d’immagine, subito dalla Società in conseguenza dei fatti illeciti contestati ad imprenditori, imprese e dipendenti infedeli che, con le loro condotte, hanno intaccato l’immagine e la credibilità di Anas". Immediatamente dopo gli arresti nel 2019, Anas aveva avviato le procedure amministrative per l’accertamento delle responsabilità dei soggetti coinvolti e l’adozione dei necessari provvedimenti, sospendendo nell’immediato con blocco degli emolumenti mensili i dipendenti coinvolti, per avviare subito dopo le procedure di licenziamento, ormai divenute esecutive

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X