Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tangenti per l'eolico, liberato il "faccendiere" Paolo Arata
TRIBUNALE

Tangenti per l'eolico, liberato il "faccendiere" Paolo Arata

corruzione, Alberto Tinnirello, Paolo Arata, Sicilia, Cronaca
Paolo Arata

Sono stati rimessi in libertà, su decisione della quarta sezione del tribunale di Palermo, Paolo Franco Arata e Alberto Tinnirello, entrambi imputati di corruzione coinvolti nella vicenda sulle tangenti nell’eolico in Sicilia.

I due erano stati sottoposti agli arresti domiciliari, ma adesso Arata, faccendiere genovese e sedicente responsabile del centrodestra per l’ambiente, ha ricevuto il divieto di dimora in Sicilia, così come il figlio Francesco Paolo, al quale era stata data la stessa misura pochi giorni fa; al funzionario regionale Tinnirello invece è stato imposto il divieto di dimora a Palermo e, contestualment,e l’obbligo di risiedere in un comune diverso dal capoluogo siciliano, ma sempre nell’Isola.

La vicenda delle tangenti all’assessorato regionale all’Energia coinvolge pure Vito Nicastri, imprenditore di Alcamo, considerato il «signore del vento» e vicino al superlatitante Matteo Messina Denaro, il figlio Manlio e l’imprenditore Antonello Barbieri con l’altro funzionario regionale Giacomo Causarano.

I Nicastri hanno patteggiato la pena (2 anni e 10 mesi il padre e 2 anni il figlio); Barbieri, che era già libero, è imputato con gli Arata e Tinnirello, mentre Causarano viene giudicato da solo in abbreviato.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X