Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA TRAGEDIA

L'incidente di Alcamo, la fidanzata di Provenzano: "Amava i figli, nessuno giudichi"

incidente alcamo, Antonino Provenzano, Fabio Provenzano, Francesco Provenzano, Sicilia, Cronaca
L'incidente di Alcamo e nel riquadro Francesco Provenzano

"Amava i suoi bambini, ne hanno tutti approfittato per fare uno scandalo. Sappiamo solo noi quanto abbiamo sofferto e cosa abbiamo passato. Siamo essere umani e sbagliamo, tutti. So che lui morirà quando saprà di questo incidente". Una difesa a spada tratta, quella di Valeria Vivona, 28 anni, la fidanzata di Fabio Provenzano, il padre dei due bambini, Francesco ad Antonino, 13 e 9 anni,  nell'incidente stradale di Alcamo lo scorso 12 luglio.

L'uomo, 34 anni, poco prima aveva postato un video su Facebook ed è trovato positivo al test per le sostanze stupefacenti. Una vita normale con un sogno, quello di sposarsi dopo 10 anni di fidanzamento, e dopo vivere insieme ai figli di lui. L'uomo si è risvegliato nei giorni scorsi dal coma, ma ancora non saprebbe tutta la verità su quello che è successo. Di certo c'è che è sì cosciente, ma sedato, molto agitato, come se in cuor suo sapesse.

La prognosi è riservata, anche se per i medici è fuori pericolo. La fidanzata ha deciso di rompere il silenzio: "Non ho risposto a nessun  insulto o nessun commento cattivo, perchè l ultimo dei miei pensieri eravate voi. Adesso dico basta. Dico basta al mondo intero dico basta ai giornali dico basta alla cattiveria. L ’unica risposta che do sempre e continuerò a dare sempre: “Nessun genitore vuole il male dei suoi figli”.

L'incidente di Alcamo, in centinaia a Partinico ai funerali di Anthony

"Fabio quella sera non era drogato come tutti dite - continua la fidanzata in una lettera uscita su partinicolive -. Fabio non ha mai voluto uccidere i suoi figli, Fabio viveva per loro. I giornali fanno il loro lavoro ma non sempre dicono o spiegano ciò che è vero. Test positivo al 2 livello significa altro ma visto che siete così bravi a leggere fate come ho fatto io, fate una ricerca su Google e vedete cosa significa Il dolore della mamma, il dolore mio, il dolore degli zii, dei nonni sarà come quello che proverà lui quando si sveglierà".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X