Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL RISARCIMENTO

Morì a causa del sangue infetto, condannato il ministero della Salute: mezzo milione agli eredi

Il giudice della terza sezione civile, Giovanna Nozzetti, ha condannato il ministero della Salute a risarcire con quasi mezzo milione di euro la moglie e del figlio di un uomo originario di Partanna morto a causa del sangue infetto.

Fin dalla nascita era affetto da una grave forma di emofilia, era stato sottoposto a trattamenti con trasfusioni di sangue e farmaci emoderivati già all'età di 3 anni. Cure alle quali, come riporta Sandra Figliuolo in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, era stato sottoposto per tutta la vita e che, alla lunga, ne avevano determinato la morte, nel 2011, per cirrosi epatica, ad appena 46 anni. Il sangue e quegli emoderivati erano infetti.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X