Lunedì, 22 Aprile 2019
PADOVA

Mafia, il suicidio del figlio del boss: in casa aveva 104 armi

Custodiva 104 armi, tutte intestate alla moglie, l'abitazione di San Michele delle Abbadesse (Padova) Giuseppe Siino, 47enne figlio di un pentito di mafia che si è ucciso sabato scorso. Secondo quanto si è appreso, ci sarebbero state tensioni in famiglia.

Siino era figlio di Angelo, soprannominato il "ministro dei Lavori Pubblici" di cosa nostra.

Dopo il pentimento del padre, il figlio Giuseppe si dovette trasferire in una località protetta, lontana dalla Sicilia.

Quando il vicino, dopo alcuni minuti, è entrato in casa lo ha trovato a terra, ormai morto. Impugnava la pistola regolarmente detenuta dalla moglie, con la quale si era appena sparato alla testa. La donna ha smentito di aver subito violenze come detto in precedenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X