Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL DOCUMENTO

Mitigazione dei rischi geologici, protocollo d'intesa tra Ance Palermo e Geologi siciliani

di

Un protocollo d’intesa è stato siglato fra Ance Palermo (Associazione Costruttori Edili) e l’Ordine regionale dei Geologi di Sicilia sulla mitigazione dei rischi geologici. Obiettivo dell’accordo è promuovere un tavolo permanente di confronto fra le due realtà, alfine di implementare il patrimonio di conoscenze tecniche condivise fra le diverse professionalità.

A firmare il documento, oggi, a Palazzo Forcella De Seta, sede dell’associazione dei costruttori, sono stati il presidente dei costruttori palermitani Sanfratello e il vice-presidente dell’Ordine siciliano Mario Leta.

"Mettere in sicurezza strade, abitazioni ed edifici strategici della città, per Palermo è una necessità di grande attualità – ha sottolineato il presidente di Ance Palermo Fabio Sanfratello –. Sono fondamentali interventi qualificati e programmati per mitigare tanto il rischio idrogeologico quanto quello sismico che interessano la città e il suo hinterland e questa intesa con i geologi vuole definire le linee guida dedicate proprio alla redazione degli studi geologici e all’esecuzione delle specifiche indagini geognostiche da associare, poi, agli interventi strutturali perché siano efficaci".

"La prevenzione e la mitigazione dei rischi geologici e tutte le azioni volte alla pianificazione e all’attuazione degli interventi di ristrutturazione, recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio costituiscono una delle principali emergenze sui cui investire risorse e competenze. La sottoscrizione di questo protocollo – ha aggiunto il vice-presidente dell’Ordine siciliano Mario Leta – sancisce una fattiva collaborazione basata sulla condivisione di percorsi e di procedure, sulla definizione di strategie di intervento di cui i geologi sono parte integrante e per le quali risulta imprescindibile un approccio multidisciplinare".

"Le attività di cooperazione riguarderanno anche ambiti specifici come: la prevenzione e la mitigazione del rischio idrogeologico e del rischio sismico e la co-organizzazione di incontri periodici e percorsi formativi basati sulle comuni attività. Tale progettualità - conclude - consentirà di implementare il patrimonio di conoscenze tecniche condivise fra le diverse professionalità, nell’ottica di un reale rilancio del settore edilizio con il coinvolgimento di tutte le parti sociali".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X