Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LO STUDIO

Amianto in Sicilia, 600 morti nel 2017: più colpite le zone vicine ai grandi Poli industriali

amianto, petrolchimico, ezio bonanni, Sicilia, Cronaca
In Puglia 1191 casi di tumore da amianto, il 40% a Taranto

Sono 600 i decessi per amianto registrati in Sicilia nel 2017 e tra i morti non ci sono solo operai impiegati nei diversi poli industriali ma anche loro familiari che non hanno lavorato in fabbrica ma erano residenti nelle zone limitrofe. E' quanto è emerso da una ricerca dell’Ona, l’Osservatorio nazionale amianto diretto dall’avvocato Ezio Bonanni, che a Gela ha presentato un dossier specifico da asbesto sui rischi lavorativi e ambientali nei petrolchimici in Italia.

Dallo studio è emerso che degli ultimi 600 decessi, 100 sono avvenuti per mesotelioma e figurano così ripartiti: 20 per l’area industriale di Gela, 25 in quella di Priolo, 20 a Milazzo, 30 ai cantieri navali di Palermo, tre a Termini Imerese tra i dipendenti di un’azienda che produce abbigliamento ignifugo, e due tra i dipendenti di una ditta di San Cataldo in provincia di Caltanissetta che costruiva serbatoi e vasche in cemento-amianto. I restanti 500 sarebbero avvenuti per tumori sempre da amianto all’apparato respiratorio, all’apparto digerente e alle ovaie.

Secondo l’Ona salgono così a 12 mila i decessi negli ultimi 20 anni per varie forme di cancro legate all’asbesto. Il dossier che ha censito la mortalità da amianto anche a livello nazionale  ha permesso di accertare che nel 2017 i decessi peresposizione all’amianto sono stati 3.500 di cui 868 per mesotelioma.

"La condizione di rischio dovuta all’utilizzo di amianto e altre agenti patogeni e cancerogeni in assenza di cautele - ha detto Bonanni - ha determinato casi di mesotelioma e altre patologie anche tra coloro che mai hanno messo piede nei singoli petrolchimici. «Per questi motivi - ha aggiunto - l’Ona si è rivolto a tutte le autorità affinché tutti i siti siano immediatamente bonificati, a partire da Gela e Siracusa e si emettano degli atti di indirizzo ministeriali affinché i lavoratori esposti possano ottenere il riconoscimento dei benefici contributivi utili al prepensionamento".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X