Martedì, 18 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Salvatore Borsellino sulla morte di Riina: "Scomparsa un'altra cassaforte di segreti"
LE REAZIONI

Salvatore Borsellino sulla morte di Riina: "Scomparsa un'altra cassaforte di segreti"

BOLOGNA. «Ci saranno tante persone che gioiranno del fatto che Riina, morendo, non potrà più parlare» e con la sua morte «scompare un’altra cassaforte dopo quella vera scomparsa dopo la sua cattura», dice Salvatore Borsellino arrivando all’Itc di San Lazzaro di Savena per un incontro con gli studenti ha commentato la morte del boss Totò Riina condannato all’ergastolo anche per la strage che costò la vita a suo fratello Paolo.

Per Borsellino, infatti «se è altamente improbabile che un criminale della caratura di Riina potesse mai parlare è altrimenti tanto più improbabile se non impossibile che ci possa essere mai un pentito di Stato. E purtroppo di questo ci sarebbe bisogno per sapere la verità su quella scellerata trattativa che io ritengo abbia, se non altro, accelerato la morte di mio fratello. Oggi sarà più difficile arrivare alla verità».

Se la morte di Totò Riina renderà più difficile l’accertamento della verità sulle stragi di mafia, per il fratello minore del giudice Paolo Borsellino, Salvatore, "l'altro grande ostacolo alla verità - ha detto a San Lazzaro nel bolognese - è stata la distruzione delle intercettazioni di Napolitano perché, forse, se fossero state rese pubbliche, avremmo potuto avere le idee più chiare su quegli indicibili accordi di cui scrisse il suo consigliere politico D’Ambrosio prima che un 'provvidenziale' infarto lo portasse via».

A chi gli chiede se perdona: «Posso perdonare mio figlio se fa una cazzata. Mi ci incazzo e poi lo perdono. Ma un assassino, un criminale: che cosa significa perdonare? C'è una legge».

«Mi hanno chiesto se era giusto tenerlo al 41 bis - ha aggiunto Borsellino riferendosi al regime di carcere duro cui il boss era sottoposto -. Ma Riina aveva 26 ergastoli, tutti di tipo ostativo cioè che non prevedono riduzioni di pena. Di fronte a questo che cosa significa? Sovvertiamo la legge? La condanna è tale se c'è la certezza della pena. Ma se non c'è la certezza della pena e qualcuno pensa che anche un assassino come Totò Riina possa essere messo fuori allora la certezza non esiste più. E senza questa certezza le leggi non vengono rispettate».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X