Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL VERTICE

Taormina blindata accoglie i leader
Trump e Gentiloni da ieri in Sicilia

TAORMINA. Il presidente Usa Donald Trump è atterrato all'aeroporto di Sigonella in Sicilia per partecipare al G7 che si apre  a Taormina. Trump ha lasciato in serata Bruxelles dove ha partecipato al vertice straordinario della Nato. In compagnia della moglie Melania, ha salutato dalla scaletta dell'Air Force One. Il presidente Usa è stato accolto dalle autorità italiane sulla pista dell'aeroporto di Sigonella. La first lady, sorridente, indossava un tubino nero senza maniche.

Trump e Melania, dopo essere atterrati a Sigonella sono saliti a bordo dell'elicottero presidenziale alla volta di Taormina. Pochi minuti dopo, all'aeroporto di Catania è atterrato l'aereo con a bordo il premier Paolo Gentiiloni.

L'ora X è dunque scattata: nel momento in cui l'Air force One ha toccato terra nella base di Sigonella, l'imponente sistema di sicurezza messo in piedi per proteggere il G7 di Taormina passa all'ultimo livello. Settemila uomini armati, decine di blindati, elicotteri, motovedette, gommoni, sorveglieranno la città dal cielo, dal mare e da terra per impedire a chiunque non autorizzato di avvicinarsi ai potenti della terra.

Da mesi la macchina della sicurezza è in moto e da lunedì è entrata a pieno regime, con i controlli che riguardano anche stradine di campagna, viuzze e passaggi impervi lungo il costone di roccia che dal mare sale fino a Taormina. Il sistema prevede una serie di cerchi concentrici: più sono vicini ai luoghi del vertice, più la sicurezza è alta.

Il cuore di questo sistema è l'hotel San Domenico, dove si terranno le riunioni e dove risiedono alcune delegazioni, tra cui l'Italia, e all'hotel Timeo, dove dorme Donald Trump. Centinaia di uomini delle forze dell'ordine hanno un solo ordine: impedire non solo l'accesso ma anche "l'avvicinamento" di persone estranee e non autorizzate. Il sistema è lo stesso per i controlli in mare.

La zona di massima sicurezza è un'area che va da Letojanni a Fiumefreddo, profonda 2 miglia: navigazione interdetta, balneazione consentita fino a 50 metri dalla riva, team di sommozzatori per la bonifica dei fondali. E' previsto che venga impedito l'attraversamento "anche con l'uso della forza".

Il secondo cerchio prevede un filtraggio di tutte le imbarcazioni, con il controllo di chiunque sia a bordo, mentre nella terza zona, la più esterna che include anche tutti i porti tra Catania e Messina, si farà un monitoraggio di tutto il traffico marittimo. "Abbiamo ipotizzato una serie di minacce possibili - sintetizza il colonnello della Gdf Cristino Alemanno, comandante del gruppo aeronavale di Messina - abbiamo a disposizione motovedette velocissime, mezzi più grandi e team di abbordaggio per poter fronteggiare qualsiasi scenario".

La paura della gente dei Giardini Naxos non è però il timore di un attentato o le migliaia di persone in divisa e in borghese che girano armate per le strade: a spaventare è il corteo degli antagonisti contro il G7 in programma sabato pomeriggio, in contemporanea con le conferenze stampa che chiuderanno il vertice. Il sindaco ha già disposto da giorni la chiusura di tutte le scuole e dei negozi, anche se in piazza dovrebbero esserci non più di un qualche migliaio di persone, e diversi commercianti stanno blindando negozi e vetrine con assi di legno e barre di metallo, come se dovesse arrivare un uragano. C'è anche un pizzaiolo che ha fatto un'assicurazione per danni causati da eventi socio-politici. "Avevo chiesto la copertura per tre giorni, ma l'agenzia mi ha detto per un anno o niente. Così ho pagato 600 euro, ma va bene così".

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X