Lunedì, 12 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Migranti, altri sbarchi a Catania e Messina, in arrivo nuova ondata: ieri salvati in 3.000
A CATANIA E MESSINA

Migranti, altri sbarchi a Catania e Messina, in arrivo nuova ondata: ieri salvati in 3.000

di

CATANIA. Nei giorni più caldi della bufera, politica, giudiziaria e mediatica sui migranti e sui salvataggi nel Mar Mediterraneo, sulle coste siciliane approdano nuove navi cariche di uomini, donne e bambini in arrivo dalle coste del nord Africa.

Il bilancio di oggi dovrebbe fermarsi a poco meno di 540 persone: 394 a bordo di nave Phoenix di Moas, soccorsi giovedì nel Mediterraneo Centrale; altre 140 su nave Fiorillo, della Capitaneria di porto italiana. Ieri, sempre nel porto di Catania, era approdata nave Prudence, imbarcazione di ricerca e soccorso di Medici senza frontiere, con a bordo i corpi di sei migranti, cinque donne e un uomo, recuperati nei giorni scorsi in mare. Indagini sono state avviate dalla squadra mobile della polizia di Stato, coordinate dalla locale Procura distrettuale del capoluogo etneo.

Ma una nuova ondata non dovrebbe farsi attendere visto che, soltanto ieri, in una ventina di operazioni di soccorso, coordinate dalla centrale operativa di Roma della Guardia Costiera, sono stati strappati dalle onde del Mediterraneo centrale circa 3.000 disperati che, a bordo di gommoni e piccole imbarcazioni, erano diretti dalla Libia verso l'Italia. Nelle operazioni al lavoro gli equipaggi di unità navali della Guardia Costiera e delle organizzazioni non governativa Aquarius, Vos Hestia e Sea Watch. Inviati in soccorso anche due mercantili che si trovavano nella aree delle operazioni.

E mentre infuriano la polemiche sui salvataggi da parte delle Ong, nel Mediterraneo si continua a morire. E non solo per i naufragi delle carrette del mare. "Abbiamo a bordo il cadavere di un ragazzo ucciso a colpi di arma da fuoco. Testimoni ci hanno detto che è stato colpito perchè non ha voluto dare il suo cappellino da baseball ad un trafficante".

Lo ha raccontato a "Restate scomodi" su RadioUno Regina Catrambone, fondatrice - col marito Christopher - del Moas, organizzazione nata nel 2014 e finita nel mirino dopo le dichiarazioni del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, che ha parlato di possibili legami con i trafficanti di uomini.

Giovedì alcuni dei responsabili del Moas erano a Roma per rispondere alle domande - ed in diversi casi alle critiche - dei parlamentari del Comitato Schengen e della commissione Difesa del Senato. Nelle stesse ore Catrambone, a bordo della Phoenix, partecipava alle operazioni di soccorso su tre natanti davanti alle coste libiche, che hanno coinvolto anche le navi di altre organizzazioni non governative.

La Phoenix ora trasporta 394 persone (oltre alla vittima) ed è diretta - secondo le indicazioni arrivate dal Centro di coordinamento marittimo della Guardia costiera di Roma (Mrcc) - al porto di Catania. Come sempre, in questi casi, indagini saranno avviate dalla squadra mobile della polizia, coordinate dalla procura distrettuale diretta proprio da Zuccaro. E Catrambone si dice pronta ad incontrare il magistrato per chiarire tutti i suoi dubbi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X