Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Con uno jihadista in casa, Margherita: "Accolto come un figlio, mi ha tradito"

jihadista, terrorismo, Torino, Sicilia, Cronaca
Marianna Scarano ospitava un marocchino arrestato per presunto terrorismo

TORINO. "Aveva il viso di un bambino" dice Margherita, la donna di 66 anni che, insieme al figlio, lo ha accolto in casa.

Ma il marocchino Mouner El Aoual, 29 anni, secondo carabinieri e magistrati è di un'altra pasta: i suoi amici di internet, legati a lui dalla comune passione per l'Isis e la guerra santa, gli chiedevano di preparare manuali su come confezionare bombe per massacrare gli infedeli, ne ascoltavano i consigli, lo chiamavano Sheikh in segno di rispetto.

Un personaggio misterioso, Mouner El Aoual, alias Mido, alias Ibndawla per i frequentatori della chat 'Il Califfato dello Stato islamico'. Ieri è stato arrestato a Torino per associazione con finalità di terrorismo e istigazione a delinquere aggravata. "Un ragazzo educato e gentile", affermano i vicini.

"Un soggetto - sottolinea il gip Edmondo Pio nell'ordinanza di custodia - capace di vivere in assoluta clandestinità, muovendosi e comunicando senza lasciare alcuna traccia di sé".

Per nove anni. Tanto il tempo in cui è stato ospite di un'ignara famiglia italiana, tenendo tutto nascosto. Anche un provvedimento di espulsione emesso nei suoi confronti dalla questura di Trieste nel 2012.

A Torino, Mido aveva "conquistato la fiducia di una famiglia" composta da una donna, due volte vedova, e di un venticinquenne che lavora come barista. "Dormiva fuori dalla moschea e non aveva da mangiare - racconta Margherita - Mio figlio si è intenerito e lo ha portato con noi. Gli avevo arredato una camera e mi ero sistemata a dormire sul divano.

Mi chiamava 'mamma', mi ha aiutato nel trasloco, mi faceva la spesa, portava fuori il cane". Ma la sua attività principale, secondo gli inquirenti, era attaccarsi al computer, connettersi a una chat ricavata dalla piattaforma 'Zello' e, dopo essersi autoproclamato "portavoce ufficiale dello Stato Islamico", discutere, pubblicare notiziari sul conflitto nello Sham, applaudire i gravi fatti di sangue in Ohio, Francia, Germania, augurarsi che i nemici vengano uccisi "come branchi di mucche".

"Che Dio lo maledica", dice ora Margherita, che insieme al figlio è risultata all'oscuro di tutto. Su Mido i carabinieri del Ros indagavano dai primi mesi del 2016: avevano trovato un profilo Facebook intestato a un tale 'Salah deen' molto "radicalizzato in senso islamista".

A settembre, monitorando la piattaforma 'Zello', l'Fbi scovò 'Ibndawla', riconducibile a un'utenza torinese, e informò le autorità italiane. Di terrorismo, intanto, ha parlato oggi il ministro dell'Interno Marco Minniti.

La risposta a questa minaccia, ha detto, "deve essere all'altezza di prevedere l' imprevedibile. C'è bisogno di più intelligence, prevenzione e capacità di indagine". Ma, spiega il responsabile del Viminale, "se vogliamo prevedere l'imprevedibile l'unica cosa che si può fare è avere il controllo assoluto del territorio. Parola antica ma punto cruciale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X