Domenica, 25 Agosto 2019
TORINO

Elena Ceste, il marito condannato anche in Appello per l'omicidio

TORINO. La Corta d'Assise d'Appello di Torino ha confermato la condanna per Michele Buoninconti, il vigile del fuoco di Costigliole d'Asti accusato di avere ucciso la moglie Elena Ceste.

L'uomo era stato condannato in primo grado a trent'anni di carcere. La Corte ha anche disposto il sequestro conservativo del patrimonio di Buoninconti:. "Si tratta - spiega l'avvocato di parte civile, Debora Abate Zaro - di conti correnti e di un terzo della casa. Siamo soddisfatti. Questo garantisce un futuro ai figli".

Lasciando l'aula, i difensori di Buoninconti sono tornati a criticare la scelta, operata dai loro predecessori, del rito abbreviato, che non ha permesso di svolgere ulteriori approfondimenti "penalizzando l'imputato". "Su quanto è accaduto - hanno ribadito - si possono fare solo delle ipotesi. Non è possibile dire come, quando, dove e in che modo Elena Ceste è stata uccisa. E non si può nemmeno dire se sia stato un delitto premeditato, volontario, di impeto o di altro. A nostro avviso non si è trattato nemmeno di un omicidio". In aula c'erano anche i genitori della vittima

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X