Martedì, 25 Giugno 2019
MIGRANTI

Rimpatri, asilo più veloce e nuovi centri
Sì al decreto: 19 milioni per le espulsioni

ROMA. Taglio dei tempi di esame per le domande di asilo, possibilità per i richiedenti di svolgere lavori di pubblica utilità gratuiti e volontari, creazione di nuovi Centri permanenti per il rimpatrio, 19 milioni di euro per garantire l'esecuzione delle espulsioni. Questi i punti essenziali del decreto legge legge approvato oggi dal Consiglio dei ministri. Al testo di 23 articoli - che non è stato ancora licenziato nella bozza definitiva - hanno lavorato Interno e Giustizia e gli uffici legislativi dei due ministeri stanno limando i dettagli.

GENTILONI, NON CHIUDIAMO PORTE - Sono norme, ha spiegato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, «che attrezzano il Paese alle nuove sfide. «L'obiettivo strategico non è chiudere le nostre porte ma trasformare sempre più i flussi migratori da fenomeno irregolare a fenomeno regolare, in cui non si mette a rischio la vita ma si arriva in modo sicuro nei nostro paesi e in misura controllata».

SBARCHI RECORD - È stato il ministro dell'Interno, Marco Minniti, ad illustrare le nuove norme per "un nuovo modello d'accoglienza", basato sulla distribuzione diffusa delle presenze, in accordo con l'Anci, con la premessa che l'altro corno del problema - non oggetto del dl - è l'intervento sui flussi con la cooperazione allo sviluppo in Africa e gli accordi con i Paesi di provenienza e transito dei migranti. I numeri danno l'idea dell'urgenza delle azioni da prendere: il 2016 è stato l'anno record con 180mila sbarchi; nel 2017 sono arrivate già 9.500 persone, il 50% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'Oim stima in 231 le vittime delle traversate tra il Nordafrica e l'Italia. Ed in accoglienza ci sono 175 mila stranieri.

ABBATTERE TEMPI ASILO - Punto chiave è l'abbattimento dei tempi di riconoscimento del diritto d'asilo, ora due anni in media. A questo scopo il dl prevede l'assunzione straordinaria di 250 specialisti (10,2 milioni di euro l'anno la spesa prevista) per rafforzare le commissioni di esame, la possibilità per i richiedenti di svolgere lavori di pubblica utilità "gratuiti e volontari" in progetti promossi dai prefetti d'intesa con i Comuni, la creazione di sezioni specializzate nell'asilo in 14 tribunali ordinari (Bari, Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Catanzaro, Firenze, Lecce, Milano, Palermo, Roma, Napoli, Torino e Venezia), il taglio dell'appello per i ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato, che diventa ricorribile solo in Cassazione. L'obiettivo, ha puntualizzato il guardasigilli Andrea Orlando, è rendere "più snello il procedimento" di richiesta dell'asilo senza tuttavia "indebolire le garanzie".

NASCONO I CPR, SPINTA PER RIMPATRI - Rivoluzione poi per le strutture d'accoglienza, con la creazione, uno per regione, dei Centri di permanenza per il rimpatrio, 1.600 posti in tutto,preferibilmente fuori dai centri urbani e vicino ad infrastrutture di trasporto. "Niente a che vedere - ha sottolineato Minniti - con i vecchi Cie, in cui spesso c'era violazione dei diritti. Per evitare problemi stabiliamo che ci siano poteri d'inchiesta da pare del garante dei diritti dei detenuti". Il decreto introduce inoltre "disposizioni finalizzate a garantire l'effettività dei provvedimenti di espulsione". Nella bozza del provvedimento si stanziano a favore del ministero dell'Interno 19,1 milioni di euro nel 2017 per "garantire l'esecuzione delle procedure di espulsione, respingimento o allontanamento degli stranieri irregolari dal territorio dello Stato". Non c'è, ha aggiunto il ministro, "politica d'accoglienza vera senza i rimpatri, chi non è regolare deve essere rimpatriato nel paese di provenienza. Non ci accontentiamo del foglio di via". Sempre in una bozza del testo è prevista il rilevamento delle impronte non solo per chi arriva via mare, ma anche per gli irregolari rintracciati sul territorio. E chi rifiuta può essere trattenuto in un centro per un periodo di 30 giorni massimo. Il testo non definitivo, infine, prevede la possibilità "in casi eccezionali" di affondare i barconi usati per il trasporto dei migranti da parte dei comandanti delle navi che operano per il soccorso.

CRITICHE LEGA E FI - Plausi al provvedimento dal presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. »Stiamo - ha spiegato - sulla strada giusta ed ora è importante, anzi è fondamentale, fare squadra in Europa«. Soddisfatto anche il presidente dell'Anci Antonio Decaro. "La gestione efficace dei flussi - ha osservato - passa necessariamente da un'alleanza forte tra governo e amministratori locali". Critici invece il segretario della Lega NOrd, Matteo Salvini: "sono solo chiacchiere. Non possono pensare di risolvere il problema con 1.600 posti nei Cie, a fronte a di 200.000 sbarchi". Sulla stessa linea Maurizio Gasparri ed Elio Vito (Fi). "Di chiacchiere e di annunci - hanno detto - ne abbiamo sentiti sin troppi. Non abbiamo pregiudizi, ma nemmeno l'anello al naso". Critiche anche dal Centro Astalli che parla di "misure non organiche e di altre urgenze da affrontare".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X