Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

«Furti a Rosolini, Avola e Modica», vittoriese assolto

di

VITTORIA. Assolto con formula dubitativa il vittoriese Ignazio Rimmaudo, classe 1990, difeso dall'avvocato Matteo Anzalone, del Foro di Ragusa. Era accusato di avere messo a segno quattro furti in concorso.

Alla conclusione della celebrazione del processo con rito abbreviato, il giudice Eleonora Schininà non ha ritenuto sufficienti gli elementi acquisiti ed ha quindi assolto il Rimmaudo (che ha precedenti per furto e rapina aggravata) ai sensi dell'articolo 530 comma 2 del codice penale.

Una scia di furti quella rappresentata dalla pubblica accusa (pubblico ministero Gaetano Scollo) per la quale è stata patteggiata la pena per gli altri quattro soggetti coinvolti. Tornando alle accuse rivolte a Rimmaudo, i furti contestati, come si diceva, erano quattro.

Iniziò tutto il primo maggio 2014 a Modica: diversi soggetti si introdussero nel cuore della notte, sfondandone la vetrina, nel negozio «3 Store» di via Sacro Cuore razziando nove telefoni cellulari, e danneggiando il decimo, un Iphone 5c.

Danni totali per 5.106 euro. Il secondo colpo dopo appena qualche giorno il 9 maggio questa volta a Rosolini, nel Siracusano, viene preso di mira il negozio "Tim" di via Rimembranza.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X