Giovedì, 03 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Yacht in fiamme al porto, 3 morti: una donna si salva gettandosi in acqua
A LOANO

Yacht in fiamme al porto, 3 morti: una donna si salva gettandosi in acqua

loano, yacht in fiamme, Sicilia, Cronaca
I vigili del fuoco in azione per spegnere le fiamme a Loano

LOANO. Tre persone sono morte nell'incendio di una imbarcazione a Loano. È avvenuto questa mattina. La barca era ormeggiata nel porticciolo: a bordo quattro persone: due uomini e due donne. Sul posto vigili del fuoco, 118 e capitaneria di porto che sono riusciti a salvare solo una persona. Le vittime sono tedesche.

La persona salvata è una donna di 52 anni che è riuscita a tuffarsi in acqua. Le fiamme avrebbero impedito agli altri di uscire dalle cabine, rendendo inutile ogni tentativo di salvarli.

Le vittime sono la sorella della sopravvissuta e i compagni delle donne. I soccorritori hanno tentato in ogni modo di estrarre le persone dall'imbarcazione, anche provando a tagliare lo scafo. Le vittime sono rimaste intrappolate nella cabina di prua.

Le operazioni di spegnimento delle fiamme sono ancora in corso. I cadaveri delle tre persone decedute non sono ancora stati recuperati. I vigili del fuoco, vista l'intensità del rogo, sono intervenuti anche con il carro autoprotettori per la riserva d'aria e con una autobotte.

L'incendio si è sviluppato intorno alle 6. L'imbarcazione andata a fuoco è uno yacht Maiora di 22 metri, denominato Southern Confort, e batte bandiera tedesca. L'imbarcazione faceva scalo nel porto turistico di Marina di Loano da un anno.

È ricoverata al reparto di Medicina d'urgenza all'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure (Savona) la donna tedesca sopravvissuta all'incendio. La donna non è in pericolo di vita: si è salvata uscendo dalla barca attraverso una apertura sul tetto e poi tuffandosi in acqua.

«È arrivata in pronto soccorso con una intossicazione da monossido di carbonio - spiega il responsabile del reparto, Lorenzo Viassolo - ma non ha altre lesioni. Il problema principale è quello emotivo: è stato necessario sedarla».

La donna sarà ascoltata dal sostituto procuratore Massimiliano Bolla per ricostruire la dinamica della tragedia e identificare le tre persone morte nello yacht.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X