Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Inchiesta petrolio Basilicata: dissequestrato centro oli Eni
BLOCCATO DA MARZO

Inchiesta petrolio Basilicata: dissequestrato centro oli Eni

POTENZA. Termina, dopo circa 130 giorni, la vicenda che ha riguardato il Centro Olio dell'Eni, a Viggiano (Potenza). Finito sotto i riflettori per l'inchiesta sulle estrazioni petrolifere in Basilicata, l'impianto - dove si "lavoravano" circa 75 mila barili di greggio al giorno - fu infatti parzialmente sequestrato lo scorso 31 marzo su richiesta dei pm della Procura di Potenza, Francesco Basentini e Laura Triassi e, dopo un dissequestro temporaneo disposto a giugno per permettere alcuni lavori di modifica, oggi il gip Tiziana Petrocelli, ne ha disposto il dissequestro definitivo. Il provvedimento è stato notificato all'Eni che lo sta valutando.

All'esame della compagnia anche i tempi per la ripresa dell'attività del centro. Il sequestro - eseguito il 31 marzo dai Carabinieri del Noe - riguardò due vasche all'interno del centro e il pozzo di reinizione "Costa Molina 2", nell'ambito del filone d'inchiesta che riguardava lo smaltimento degli scarti di produzione.

La contestazione riguardava infatti la modalità di smaltimento delle acque e dei fanghi che, secondo quanto emerso dalle indagini, dovevano essere smaltiti come rifiuti pericolosi, e che invece venivano trattati come non pericolosi, con un "trattamento non adeguato", quindi - secondo quanto scritto nell'ordinanza relativa a questo "filone" d'inchiesta - che rendeva il tutto "notevolmente più economico".

A giugno l'Eni iniziò alcuni lavori nel centro - la produzione era stata sospesa dalla fine di marzo, con forti incertezze per circa duemila lavoratori diretti e dell'indotto e perdita di milioni di euro in diritti di sfruttamento per la Regione Basilicata - su indicazione dei consulenti nominati dai pm della Procura potentina: nelle scorse settimane gli stessi periti hanno verificato l'idoneità dei lavori, inviando ai magistrati una perizia in base alla quale è stato depositato un parere favorevole della Procura che ha portato, oggi, al dissequestro dell'impianto.

Il parere favorevole di Basentini e Triassi conteneva anche alcune indicazioni alla compagnia petrolifera, che riguardavano principalmente i codici da utilizzare per lo smaltimento delle acque e degli scarti di produzione (i codici Cer 190203 o 190204, per i "miscugli di rifiuti composti esclusivamente da rifiuti non pericolosi" e "miscugli di rifiuti contenenti almeno un rifiuto pericoloso", e il codice 130508, per i prodotti derivati dalla separazione dell'acqua dall'olio).

Complessivamente, l'inchiesta sulle estrazioni petrolifere, riguardava quindi il "filone" del Centro Olio dell'Eni, i lavori di realizzazione del Centro Olio della Total, a Corleto Perticara (Potenza) - poi riuniti in un unico fascicolo, con una richiesta di rinvio a giudizio per 59 persone e dieci società, depositata la scorsa settimana - e un "filone" siciliano, sul progetto della "cricca" capeggiata da Gianluca Gemelli per lo stoccaggio del greggio lucano nell'area del porto di Augusta, trasferito poi a Roma per competenza territoriale su decisione del pg della Cassazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X