Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ricoverata a Firenze per meningite: era stata in vacanza a Palermo
IN TOSCANA

Ricoverata a Firenze per meningite: era stata in vacanza a Palermo

di

FIRENZE. Una 22enne di Firenze è ricoverata dalla notte scorsa, nel reparto di malattie infettive dell'ospedale fiorentino di S.M.Annunziata, per una meningite da meningococco La Asl invita a sottoporsi a profilassi quanti hanno avuto contatti con la giovane e i passeggeri dei mezzi usati dalla 22enne tra il 25 luglio e il 4 agosto, periodo in cui da Grosseto è partita per Palermo, passando per Firenze e Roma.

La Asl si rivolge ai passeggeri del bus Rama  Grosseto-Firenze del 25 luglio delle 15.30; della carrozza 6 del treno Italo Firenze-Roma Termini delle 8:13 del 28 luglio; del bus navetta Atm Roma Termini-Fiumicino, con partenza 11.30 circa, sempre del 28; del volo Ryanair Roma-Palermo delle 13 del 28 luglio; dell'aereo Ryanair Palermo-Roma, partenza 14.50, del 4 agosto; del bus navetta Terra Vision Fiumicino-Roma Termini, partenza 17.15 del 4 agosto; del treno Italo Roma Termini-Firenze delle 19.50 del 4 agosto, carrozza 9. Già scattate le procedure per la profilassi dei familiari della giovane che, spiega ancora l'Asl, non aveva fatto alcuna vaccinazione contro il meningococco.

In Sicilia l'assessorato regionale alla Salute dà una prima risposta concreta all'allarme meningite diffuso sia nella nostra penisola che nell'Isola, con due casi accertati. Ma, secondo l'assessorato, non c'è nessuna epidemia. Attraverso una circolare, la Regione ha esteso la gratuità del vaccino tetravalente (contro i sierotipi A,C, W135, Y) a tutti i ragazzi siciliani dai 12 ai 30 anni.

«È evidente che la copertura vaccinale non è stata sufficiente - Umberto Tozzo, direttore del dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato - Abbiamo deciso di estendere la gratuità del vaccino fino ai 30 anni perché i giovani sono la fascia più a rischio e speriamo in questo modo di incrementare il numero di soggetti vaccinati. Dobbiamo ricordarlo bene: la meningite è una malattia mortale e il vaccino può salvare la vita». Il vaccino sarà presto disponibile in tutti i centri dell’Isola: sarà necessario presentarsi con la tessera sanitaria. Per coloro i quali non rientrano nella fascia a costo zero, il vaccino potrà essere richiesto ugualmente pagando un contributo. «La malattia si diffonde attraverso le secrezioni e per via aerea - spiega ancora Tozzo - e quindi più facile che in luoghi affollati come pub e locali notturni possa diffondersi. Ma su una cosa dobbiamo essere chiari: non c'è nessuna epidemia».

Il numero di casi riportati dalla cronaca è dovuto «a un abbassamento della copertura vaccinale. Prima - sottolineano ancora dall'assessorato - c'era una sorta di effetto gregge per cui, anche se il virus c'era, non si diffondeva perché la maggior parte della popolazione era vaccinata. Adesso che il numero delle vaccinazioni è calato, i virus hanno più facilità a diffondersi e questo è il risultato». Il consiglio sarebbe quello di vaccinarsi tutti, anche perché «la somministrazione del siero non ha controindicazioni».

A giugno, a Belmonte Mezzagno, una ragazza di 23 anni, Gloria Alotta, è morta per una meningite fulminante, che non le ha lasciato scampo. Ricoverata al Policlinico di Palermo, non c'è stato nulla da fare per lei. Una ventenne originaria di Porto Empedocle è stata ricoverata a Palermo per diversi giorni, colpita anche lei da meningite.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X