Giovedì, 05 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
PORTO

Crisi dell’Eni a Gela, nuovi tagli nell’indotto

di

GELA. La fine della raffinazione del petrolio continua a creare nuove emergenze occupazionali tra le imprese dell’indotto della fabbrica Eni e del porto isola. L’ultima ha interessato 23 delle 49 guardie ai fuochi appartenenti alla società siracusana “Archimede” di Domenico Fascari e Sergio Pintaldi a cui sono state ridotte del 50 per cento le ore lavorative.

La drastica diminuzione del traffico da 80 navi al mese a 3 ha avuro come conseguenza un adeguamento di tutti i servizi. Dei 5 piloti ne è rimasto soltanto uno mentre gli ormeggiatori da 20 sono diminuiti a 16 unità. «Serve un adeguamento anche di altri servizi – sottolinea il comandante della Capitaneria di porto, Pietro Carosia – Abbiamo proposto una razionalizzazione del personale e non licenziamenti».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: , , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X