Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Un pentito rivela: “Così Totò Riina gestiva gli appalti nel regno di Messina Denaro”
INDAGINI

Un pentito rivela: “Così Totò Riina gestiva gli appalti nel regno di Messina Denaro”

di
Vincenzo Sinacori, ex reggente di Mazara: nel Trapanese il capo della Cupola impose una cassa comune per i soldi delle gare pubbliche e scelse uomini fidati

CALTANISSETTA. Una «cassa comune» dove far confluire i soldi degli appalti e da dividere alle famiglie mafiose. È quello che aveva creato Salvatore Riina nella zona di Trapani. È quanto emerge nell’ambito delle indagini che hanno portato all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Matteo Messina Denaro, accusato di essere tra i mandanti delle stragi di Capaci e di via D’Amelio.

Secondo gli investigatori fu proprio il capo dei capi di Cosa nostra ad «investire» nel Trapanese. Fu Salvatore Riina a mettere ai vertici delle famiglie trapanesi uomini di sua fiducia e determinando, l’ascesa di nuovi personaggi al vertice delle singole famiglie mafiose.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X