Mercoledì, 03 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuove accuse: Riina affidò a Messina Denaro l’incarico di uccidere Falcone coi camorristi
LE STRAGI

Nuove accuse: Riina affidò a Messina Denaro l’incarico di uccidere Falcone coi camorristi

di
Loro fanno la Superprocura e noi facciamo la Supercosa», disse il capo dei capi nella riunione convocata nel 1991 per progettare gli attentati

CALTANISSETTA. Mafiosi siciliani e mafiosi napoletani alleati per uccidere Giovanni Falcone. Non solo i corleonesi di Totò Riina ma anche i fedeli alleati di quest’ultimo, gli amici Nuvoletta, impegnati per «eliminare il nemico numero uno».

A Roma, dove il capo dei capi decise di fare entrare in azione la «supercosa», vi erano anche i napoletani della famiglia di Marano dei Nuvoletta. Dovevano dare il sostegno logistico al commando, al gruppo di fuoco, che dalla Sicilia era partito, guidato da Matteo Messina Denaro. Una missione di morte che doveva dare il via a quella strategia del terrore che Totò Riina decise di attuare nella riunione che si tenne nelle vicinanze di Castelvetrano tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre del 1991.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X