Sabato, 28 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Uccise la madre che le aveva negato l'uso del cellulare, arrestata una 17enne
IN CALABRIA

Uccise la madre che le aveva negato l'uso del cellulare, arrestata una 17enne

I frequenti rimproveri alla figlia per il cattivo andamento scolastico sarebbero il movente dell'omicidio

MELITO PORTO SALVO. Una studentessa di 17 anni è stata arrestata dai carabinieri a Melito Porto Salvo per l'omicidio della madre, una infermiera di 44 anni uccisa il 25 maggio scorso con un colpo d'arma da fuoco alla tempia.

Dopo il delitto i carabinieri sono riusciti a ricostruire l'accaduto con le responsabilità della ragazza che ha agito con lucida freddezza e con premeditazione, secondo quanto emerge dall'ordinanza. Inizialmente la ragazza aveva raccontato agli investigatori che la madre era stata uccisa da un misterioso killer. La diciassettenne è accusata di omicidio aggravato dai motivi abbietti e futili.

La ragazza, terminate le formalità, è stata portata, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Reggio Calabria, in un istituto penitenziario minorile fuori dalla Calabria.

I frequenti rimproveri alla figlia per il cattivo andamento scolastico sarebbero il movente dell'omicidio dell'infermiera di Melito Porto Salvo. Per il delitto i carabinieri stamane hanno arrestato la figlia 17enne della donna. I rimproveri sarebbero culminati con il divieto categorico dell'utilizzo del cellulare e soprattutto del computer, con il quale la ragazza, pare, passasse parecchio tempo collegata a noti social network. Da qui sarebbe maturata la decisione di uccidere la propria madre.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X