Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IMMIGRAZIONE

Gommone affondato al largo della Libia, recuperate otto vittime

TRIPOLI. Otto cadaveri sul fondo del gommone, in parte già sommersi dall'acqua, stesi in mezzo ai vivi: dall'Egeo al canale di Sicilia continua inesorabile la strage di migranti. L'ennesima tragedia si è consumata 130 miglia a sud est dell'isola di Lampedusa, dunque a poche decine di miglia dalle coste libiche dalle quali, appena il mare lo consente, continuano a partire i gommoni e i barconi carichi di disperati che tentano di raggiunge l'Italia. Perchè è vero che negli ultimi mesi, soprattutto per i siriani, la rotta principale è diventata quella che attraversa i Balcani. Ma è anche vero che per migliaia di esseri umani provenienti dai paesi dell'Africa sub sahariana, dall'Africa occidentale e dal corno d'Africa, l'unica via di fuga dalle guerre e dalla fame restano le spiagge libiche, dove le organizzazioni di trafficanti di uomini continuano a dettar legge. E a spedire i barconi della morte nel Mediterraneo.

I cadaveri degli otto migranti, sette donne e un uomo, erano a bordo di un gommone in difficoltà, che ha lanciato l'allarme alla centrale operativa della Guardia Costiera, già impegnata a coordinare i soccorsi poichè nella zona erano presenti altre imbarcazioni cariche di migranti. Verso il gommone si è diretta nave Bersagliere, della Marina Militare, che ha iniziato il soccorso nel primo pomeriggio. E quando tutti i 112 migranti vivi erano stati trasferiti sulla nave, i militari hanno recuperato i corpi delle otto vittime. I vivi, e i morti, sono poi stati trasferiti sulla nave spagnola Rio Segura, inserita nel dispositivo Triton, che è rimasta in zona per recuperare anche gli altri migranti soccorsi in un tratto di mare compreso tra le 20 e le 30 miglia dalle coste libiche.

Oltre alla Marina, infatti, sono stati impegnati gli uomini della Guardia Costiera, che con nave Fiorillo hanno soccorso due gommoni con a bordo complessivamente 278 persone, e quelli di Medici Senza Frontiere, che hanno trasferito sulla nave Dignity One i 243 migranti che stavano tentando di raggiungere le coste italiane a bordo di altri due gommoni. Negli ultimi due giorni, dunque, sono stati soccorsi complessivamente circa 1.300 migranti: 632 persone nella giornata di oggi e 662 salvate nella giornata di sabato. Questi ultimi sono stati tutti trasferiti a bordo della nave norvegese Siem Pilot, inserita nel dispositivo schierato dall'agenzia europea Frontex, che dovrebbe attraccare nella giornata di domani a Cagliari. La Rio Segura dovrebbe invece portare a Taranto i corpi delle 8 vittime e e gli oltre 630 migranti soccorsi oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X