Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
ATTESI I RISULTATI

Ebola, nuovo caso sospetto a Genova: è il terzo in Italia

ROMA. Se dovesse essere confermato, quello dell'ingegnere di 25 anni originario della Sierra Leone ricoverato in isolamento nel reparto di malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova sarebbe il terzo caso di Ebola registrato in Italia. L'uomo è arrivato da solo in ospedale, con uno stato febbrile, ed i medici hanno prelevato campioni del suo sangue e li hanno inviati all'Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma, centro di riferimento per Ebola, per gli accertamenti.

I risultati arriveranno in un paio di giorni. Il giovane ricoverato era arrivato in città lo scorso 19 settembre per uno stage. L'ingegnere era in regime di 'sorveglianzà da parte della Asl3 proprio perchè proveniente da un paese a rischio.

Ieri il giovane, come ogni giorno, ha parlato con i medici della Azienda sanitaria ed ha comunicato di non stare bene ed ha proposto di andare da solo al pronto soccorso. I medici hanno invece inviato un'ambulanza, i cui sanitari a bordo avevano tutte le misure di precauzione (tute, maschere e guanti) e lo hanno ricoverato al reparto di malattie infettive.  Mentre dunque sembra 'rientrare' l'emergenza Ebola in Africa occidentale, dove l'epidemia ha fatto migliaia di vittime, un nuovo caso 'italianò potrebbe riaccendere i riflettori sul virus.

Gli altri due italiani colpiti dall'infezione erano entrambi impegnati con Emergency In Sierra Leone, uno dei Paesi dove l'epidemia si è maggiormente diffusa: il medico siciliano Stefano Pulvirenti e l'infermiere sardo Stefano Marongiu. Entrambi, rientrati dall'Africa, sono stati curati in isolamento allo Spallanzani, ed entrambi sono riusciti a sconfiggere il virus. Pulvirenti è stato dimesso lo scorso gennaio e Marongiu a giugno. I protocolli terapeutici hanno dunque funzionato, anche se per Marongiu sono stati impiegati farmaci e procedure diversi rispetto al 'paziente zerò Pulvirenti. Lo Spallanzani ha anche resi noti resi noti i tipi di farmaci impiegati: per il primo paziente è stato utilizzato il farmaco Favipiravir ottenuto dal Giappone, plasma da convalescente giunto da Germania e Spagna, il farmaco Zmab ed un altro medicinale prodotto in Italia, il Melanocortin. Per il secondo paziente sono stati impiegati i due farmaci Favipiravir e Nill 77, quest'ultimo di produzione cinese.

In Africa, però, la situazione continua a migliorare tanto che, secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della Sanità aggiornati a settembre, nei paesi colpiti da epidemia di Ebola ci sono stati solo tre nuovi casi, di cui due in Guinea e uno in Sierra Leone. Oltre a registrare tre o meno casi da ormai quattro settimane - precisa il documento, che si riferisce al periodo fino al 30 agosto - anche il numero di contatti sotto osservazione sta scendendo rapidamente, ed è passato dagli 800 del 18 agosto ai 600 del 23. Ci sono comunque rischi di ulteriore trasmissione, e «la vigilanza deve restare alta».

Il bollettino 'traccia' anche l'arrivo dei fondi stanziati dalle istituzioni internazionali: fino a questo momento è arrivato il 69% degli aiuti promessi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X