Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caos a Fiumicino, martedì Delrio incontra i vertici di Enac e Adr
DISAGI

Caos a Fiumicino, martedì Delrio incontra i vertici di Enac e Adr

L'Enac intanto assicura che è stata "superata la fase di criticità e oggi sembra essere in linea di massima tornata alla regolarità del periodo, con alcuni ritardi non particolarmente significativi

ROMA. "Mai più". E' eloquente Matteo Renzi su quanto sta accadendo a Fiumicino, tra incendi, blackout e disagi che proseguono anche oggi. Le immagini di passeggeri
costretti a dormire per terra nello scalo romano hanno fatto il giro del mondo e Renzi non è disposto a tollerare oltre, pronto a punire "eventuali colpevoli".

E il ministro Graziano Delrio incontrerà i vertici di Enac e di Adr martedì 4 agosto mentre il vicesegretario del Pd Debora Serracchiani bacchetta l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile reo di convocare Adr "il 6 agosto, con calma".

La replica di Enac, quella invece arriva subito: "le analisi vanno fatte dopo, la calma è la virtù dei forti". Adr, invece, fa sapere che ieri nello scalo romano si è registrato il record storico con 154 mila passeggeri, "a conferma della piena operatività dello scalo, mantenuta anche nel giorno successivo all'incendio che si è sviluppato mercoledì scorso".

Ma Renzi sul caos Fiumicino vuole vederci chiaro. "Stiamo verificando se gli ultimi eventi sono dolosi o casuali - dice - avete visto cosa è successo ma non tocca a me dirlo. Non è possibile che accadano le cose che sono accadute in questo periodo: è in corso una verifica a tutti i livelli per accertare responsabilità".

Il premier guarda lontano: "L'aeroporto di Fiumicino è un hub fondamentale per il futuro del Paese. Dovremo fare tutti uno sforzo maggiore anche come pubblico per affrontare meglio quel che va affrontato, con una visione strategica per i prossimi anni. Abbiamo bisogno di investire moltissimo nelle strutture aeroportuali".

L'Enac intanto assicura che è stata "superata la fase di criticità e oggi sembra essere in linea di massima tornata alla regolarità del periodo, con alcuni ritardi non particolarmente significativi, sia per le compagnie tradizionali, sia per le low cost". Insomma i disagi, seppur "stagionali" e fisiologici, restano.

E Vueling, il vettore low cost che ieri ha lasciato a terra circa 900 passeggeri, sottolinea il "ritorno alla normalità e, per oggi l'assenza di cancellazione". "Siamo la seconda compagnia all'aeroporto di Fiumicino - aggiungono- e vogliamo continuare a crescere".

L'inchiesta intanto va avanti per accertare una possibile natura dolosa del rogo e sicuramente verranno ascoltati i responsabili del Consorzio che gestisce le aree dove si sono
sviluppate le fiamme. Il sindaco di Fiumicino Esterino Montino annuncia che saranno presi provvedimenti proprio "nei confronti dei proprietari del Consorzio, che non hanno ottemperato alla messa in sicurezza e pulizia delle aree interessate dall'incendio", la zona dove erano presenti cumuli di rifiuti da dove si sarebbero propagate le fiamme che hanno mandato in tilt lo scalo di Fiumicino.

La politica non sta a guardare: mentre i deputati di Sel chiedono al governo quali provvedimenti intenda assumere, Nunzia De Girolamo, deputata Ap (Ncd-Udc), chiede di
"azzerare i vertici della società che gestisce l'aeroporto di Roma". Paola Binetti di Area popolare chiede una task force in vista del Giubileo. Il presidente della commissione Trasporti
della Camera, Michele Meta annuncia che la società di gestione Aeroporti di Roma sarà audita martedì 4 Agosto alle 20 in commissione alla Camera dei Deputati.

Il Codacons è sul piede di guerra e parla di "danni per milioni di euro ai passeggeri e 'sostegno' a chi vuole chiedere il risarcimento". Alitalia intanto ha diffuso i conti del primo trimestre 2015, chiuso con una perdita netta di 100 milioni di euro; un "risultato migliore rispetto al piano e che permette di confermarne gli obiettivi" spiega la compagnia.

Proprio nei giorni scorsi l'ad Silvano Cassano aveva detto di essere molto soddisfatto dell'andamento del semestre :"Stiamo mantenendo le premesse e le promesse del piano nonostante alcuni venti contrari, come in primo luogo il problema di Fiumicino".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X