Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lampedusa, distrutte reti per inanellamento degli uccelli

Lampedusa, distrutte reti per inanellamento degli uccelli

LAMPEDUSA. Sono state distrutte la notte scorsa da ignoti le reti per l'inanellamento degli uccelli migratori montate in Contrada Sanguedolce a Lampedusa. Il sito fa parte di un progetto di studio e ricerca sui volatili condotto, per il terzo anno consecutivo, dalla stazione siciliana con l'Ispra, l'università di Palermo e Legambiente - ente gestore della riserva naturale "Isola di Lampedusa".     Il progetto, della durata di un mese, è contemporaneamente condotto in altre isole del Mediterraneo ed è finalizzato alla conoscenza delle rotte e strategie migratorie degli uccelli migratori.    "I dati raccolti a Lampedusa - afferma il professor Bruno Massa dell'Università di Palermo - hanno grande importanza sotto il profilo scientifico e conservazionistico, in virtù della posizione geografica dell'isola". Contemporaneamente è incendiata l'automobile del comproprietario dell'abitazione dove sono ospitati i ricercatori.    "Si tratta di un grave atto di natura intimidatoria - dice Giusi Nicolini, direttore della riserva naturale gestita da Legambiente, - che colpisce sia i ricercatori che la Riserva nella sua attività di sostegno e incentivazione alla ricerca scientifica, individuata con ogni evidenza come unica attività di disturbo al bracconaggio". Le indagini sono condotte dai carabinieri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X