Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo Addiopizzo, condanne ridotte in appello

Processo Addiopizzo, condanne ridotte in appello

PALERMO. La sesta sezione della corte d'appello di Palermo ha ridotto molte delle condanne inflitte in primo grado a 44 imputati accusati di estorsioni a imprenditori e commercianti e arrestati nell'operazione Addiopizzo. Tra gli imputati ci sono anche commercianti imputati per non aver ammesso ai pm di avere pagato il pizzo. A uno di loro, Giampiero Specchiarello, assistito dall'avvocato Giovanni Castronovo, è stata ridotta la condanna da sei a quattro mesi    La condanna più alta è stata di 18 anni e sei mesi di carcere ed è stata inflitta a Nino Mancuso (in primo grado ne aveva avuti 20). Ridotta anche la pena di Michele Catalano, da 20 a 18 anni, e di Domenico Ciaramitaro, da 18 a 16 anni.    A Calogero Lo Piccolo, figlio del boss Salvatore e fratello del mafioso Sandro, sono stati inflitti 19 anni con il meccanismo della continuazione con una precedente condanna.     Confermati i risarcimenti alle parti civili, fra cui le associazioni antiracket Addiopizzo, Centro Pio La Torre e Fai.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X