Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Operazione “Stangata”, cellulari spenti per non essere rintracciati

Operazione “Stangata”, cellulari spenti per non essere rintracciati

MESSINA. Durante il trasporto della droga da Catania a Messina, per evitare di essere localizzati, i trafficanti spegnevano i telefoni cellulari e usavano cabine telefoniche lungo il percorso. Questi i retroscena dell’operazione “Stangata” condotta dai carabinieri di Messina la notte scorsa e che ha portato in cella 25 persone fra il centro peloritano, Catania, Caltanissetta e Bari.
Dei due gruppi di spacciatori operanti a Messina, uno faceva capo a Ballarò e l'altro a Domenico Bonasera, mentre a capo dei fornitori abituali dove i messinesi si rifornivano a Catania c'erano i fratelli Giuseppe e Roberto Cuscani e Filippo Abramo. Durante le indagini, nel marzo 2007, era stato arrestato un corriere, Davide Viola, con quasi tre chili di marijuana.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X