Domenica, 24 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia, sequestro conservativo dei beni di Aiello

Mafia, sequestro conservativo dei beni di Aiello

La corte d'Appello ha accolto le istanze delle parti civili, la Asl e il Comune di Bagheria. Disposto il sequestro dei beni dell'imputato fino alla concorrenza di 30 milioni in favore dell'azienda sanitaria e di 3 milioni per il Comune.

Un nuovo sequestro "blinda"  ulteriormente il patrimonio milionario dell'imprenditore della
sanità privata Michele Aiello che, il 23 gennaio scorso, è  stato condannato dalla corte d'appello di Palermo a 15 anni e 6  mesi per associazione mafiosa e truffa aggravata alla Asl del  capoluogo.  La corte, che ha emesso la sentenza, accogliendo le istanze  delle parti civili - la Asl e il Comune di Bagheria - ha  disposto il sequestro conservativo dei beni dell'imputato fino  alla concorrenza di 30 milioni in favore dell'azienda sanitaria  e di 3 milioni per il Comune di Bagheria. Una misura che, vista  la conferma del risarcimento liquidato alle due parti  rispettivamente nella cifra di 20 e 3 milioni, preserva i loro  crediti. Il provvedimento, che al momento non comporta alcuna  conseguenza pratica e non è esecutivo, è stato adottato per  evitare che la sezione misure di prevenzione del tribunale  dissequestri il patrimonio del manager sul quale grava, appunto,  anche la misura patrimoniale antimafia, e i beni possano tornare  ad Aiello, vanificando così il diritto delle parti civili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X