Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Cultura Cinema È morto a 81 anni l'attore Gianni Cavina. Pupi Avati: «Se ne va un pezzo della mia vita»
BOLOGNA

È morto a 81 anni l'attore Gianni Cavina. Pupi Avati: «Se ne va un pezzo della mia vita»

Sicilia, Cinema
Gianni Cavina

È morto nella notte a Bologna l’attore Gianni Cavina, tra gli interpreti preferiti di Pupi Avati con cui aveva appena finito di girare il film Dante, in uscita a settembre. Cavina aveva 81 anni ed era malato da tempo, ma nonostante questo aveva scelto di continuare a recitare.

Vincitore del Nastro d’argento nel 1997 come migliore attore non protagonista per «Festival» di Pupi Avati, Cavina è stato un attore molto versatile, passando da ruoli comici a quelli drammatici. Tra i suoi film più noti per il regista bolognese ci sono Thomas-Gli indemoniati, Balsamus, l’uomo di Satana e La mazurka del barone della santa e del fico fiorone, con Ugo Tognazzi e Paolo Villaggio, e Regalo di Natale. Per Pupi Avati era stato anche sceneggiatore di Bordella e La casa dalle finestre che ridono. Aveva recitato anche per altri registi come Luigi Comencini (L'ingorgo-Una storia impossibile) e Marco Bellocchio (Il regista di matrimoni), con qualche apparizione nelle serie tv come Una grande famiglia su Rai 1. Nel suo ultimo film, Dante, Cavina interpreta il notaio Pietro Giardino.

«Va via un pezzo molto importante della mia vita non solo professionale, ma soprattutto umana»: così un Pupi Avati molto addolorato ricorda Gianni Cavina. «Purtroppo lo presagivo, stava male da tanto tempo, ma era sempre positivo sulla sua lunga malattia. Quando ci sentivamo al telefono mentiva, perché non voleva che ci si preoccupasse per lui. Per il mio film su Dante - continua Avati - era venuto con grande coraggio a Roma a girare, ma io sapendo che non stava per niente bene gli avevo così fatto interpretare un uomo allettato in modo che non si stancasse».  I ricordi sono tanti. «Era sicuramente un grande attore capace di mille volti, ma soprattutto un amico e anche il padrino di uno dei miei figli. Mi mancherà molto, come d’altronde mi manca Carlo Delle Piane», conclude il regista.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X