Domenica, 23 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Cultura Cinema "Supereroi", una storia d'amore lunga una vita nel nuovo film di Paolo Genovese
LA RECENSIONE

"Supereroi", una storia d'amore lunga una vita nel nuovo film di Paolo Genovese

di

Terrence Malick diceva che "…bisogna amare, che vi piaccia o no. Le emozioni, vanno e vengono come nuvole. L'amore non è solo un sentimento, l'amore dovete dimostrarlo, amare significa correre il rischio del fallimento".

I protagonisti di "Supereroi", l’ultimo lungometraggio di Paolo Genovese, si amano e preservano, nel corso dei tumultuosi anni che caratterizzano una relazione, un sentimento che alla fine si rivelerà predominante, vincente. La realtà microcosmica che il regista romano mette in scena è una realtà in cui i veri supereroi, moderni, sono le persone che riescono ad amarsi per una vita intera.

Un salto anacronistico che incontra le sue difficoltà nelle relazioni contemporanee. E Genovese lo sa, perché dopo "Perfetti Sconosciuti" (dove però erano i sotterfugi e la menzogna ad essere protagonisti) l'ossessione di questo tema universale si ripresenta come un fardello a cui è difficile trovare una risposta razionale.

La sceneggiatura è tratta dall’omonimo romanzo del regista romano, qui proiettata sul grande schermo da un cast (Jasmine Trinca, Alessandro Borghi, Greta Scarano, Vinicio Marchioni, Linda Caridi, Elena Sofia Ricci) dove, nessuno escluso, è in stato di grazia.

Anna (Jasmine Trinca) e Marco (Alessandro Borghi) sono una coppia apparentemente dissimile: lei è una fumettista irrazionale, impulsiva e reticente alle lunghe relazioni che affida il suo modus vivendi al suo alter ego su carta, Drusilla. Lui l’opposto. Un professore universitario di fisica per il quale tutto si può e si deve spiegare attraverso i numeri. Tutto si può studiare, c’è una risposta ad ogni evento della vita. Anche se poi la razionalità deve lasciare spazio ad un tempo che tutto consuma e che, nonostante le iniziali premesse di Marco, esiste. "Solo ce ne accorgiamo quando viene a mancare". Insostenibilmente vero.

Anche le scelte musicali - tra tutte - "I’m Yours" e "Sei bellissima" conducono e fanno intendere le ragioni del regista; l’intento cioè di rappresentare e dirigere - sin dai primi frame del film - in una dimensione dove c'è spazio per il fantasy e per il divino, per dei binari che due persone che si amano costruiscono.

Genovese, attraverso un meticoloso lavoro dietro la macchina da presa in cui sa di poter e voler osare, racconta la vita e l’innamoramento di questa coppia, in un arco di tempo che ricopre dieci anni, ben visibile dall’assenza o la presenza della barba di Marco. Dall’infatuazione alla convivenza, attraverso tutti i momenti e alle brutture che la quotidianità può riservare. "Una coppia è tale se dura, altrimenti sono solo due persone che stanno insieme".

Ed è così che sulla cornice di sfondo di città come Marrakech, Milano, Copenaghen, l’incantevole Ponza, e ad una fotografia che accompagna Anna e Marco in ogni loro stato d’animo, i due protagonisti cambiano: non si tratta di un’evoluzione o di una regressione. Sono cambiamenti e metamorfosi che ogni relazione, nessuna esclusa, porta con sè: cambiano i luoghi, gli amici, le speranze. Iniziano le gelosie, i tradimenti e i sensi di colpa.

Ma ci si ritrova. Genovese lo sa e in forma filmica, ancora una volta, lo sottolinea. Così come canta Brunori Sas: "Per due che come noi non si son persi mai e che se guardi indietro non ci crederai", Anna e Marco riescono a combattere e vincere una noia moraviana trasferendo le difficoltà in emozioni da dover vivere e sviscerare creando un mondo incantevole e a tratti utopico.

Anche la più atroce malinconia - che bussa alla porta quando Anna e Marco si incontrano dopo un periodo di separazione - ha una durata irrimediabilmente breve. Loro si sono sempre cercati, più di quanto essi stessi pensassero.

La retorica, incostantemente presente, è fronteggiata al contempo da una sceneggiatura dove la genuinità di una tenerezza puerile trasforma quelli che possono essere dialoghi carichi di parole attese in slanci di eros e passione.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X