Giovedì, 22 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Mancini salva la Roma, finisce 2-2 con l'Inter. Vincono Lazio (2-0 al Parma) e Napoli (2-1 all'Udinese)
SERIE A

Mancini salva la Roma, finisce 2-2 con l'Inter. Vincono Lazio (2-0 al Parma) e Napoli (2-1 all'Udinese)

inter, roma, SERIE A, Sicilia, Calcio
Roma-Inter 2-2

Termina in parità il big match della 17esima giornata tra Roma e Inter, che si dividono la posta in palio al termine di una bella sfida terminata sul 2-2. Skriniar e Hakimi non bastano a ribaltare l’iniziale vantaggio di Pellegrini, i nerazzurri si fanno riprendere nel finale da Mancini e si devono accontentare di un solo punto. Ringrazia il Milan, che ora è a +3 in vetta e guadagna punti anche sui giallorossi, che restano terzi e provano comunque a mandare ancora segnali al campionato.

Dopo una decina di minuti di totale equilibrio, la prima grandissima chance della sfida è per la formazione ospite: protagonista è Lukaku, che colpisce a botta sicura di testa da pochi passi, chiamando al miracolo un provvidenziale Pau Lopez. La Roma rischia anche poco più tardi su un rinvio sbagliato dello stesso portiere, ma al 17' sono proprio i giallorossi che la sbloccano al primo affondo: Mkhitaryan offre a Pellegrini dal limite dell’area, il suo tiro è deviato da Bastoni che mette fuori causa Handanovic per l’1-0 casalingo. La sfida si vivacizza e la squadra di Fonseca si rende ancora pericolosa con Veretout (parata di Handanovic), poi provano ad uscire dal guscio anche gli uomini di Conte, che non sfruttano un paio di buone occasioni con Vidal e Lautaro, a cui viene annullato giustamente anche un gol per fuorigioco.

Nella ripresa l’Inter parte in quinta e mette in seria difficoltà la Roma, che al 53' viene salvata ancora una volta da Pau Lopez, nuovamente provvidenziale sul tap-in sotto porta di Lautaro sull'assist di Lukaku. Pochi minuti più tardi però non può nulla sul colpo di testa di Skriniar, lasciato libero di colpire sul corner di Brozovic. Al 63' arriva il ribaltone della squadra di Conte, con un super gol di Hakimi che pesca l’incrocio dei pali con un sinistro a girare dal limite dell’area. La Roma sembra accusare il brutto colpo, ma con il passare dei minuti riprende coraggio e dopo vari tentativi, trova il 2-2 all’86' con il colpo di testa di Mancini su cross di Villar. Finisce in parità all’Olimpico.

La Lazio non sbaglia a Parma e s'impone per 2-0, centrando la seconda vittoria consecutiva. Decisive le reti di Luis Alberto e Caicedo, che condannano gli emiliani (sempre penultimi) al quinto ko di fila: parte male quindi la nuova avventura di D’Aversa sulla panchina gialloblù. Meglio l’avvio della formazione ospite, ma la prima grande occasione da rete capita ai padroni di casa sui piedi di Sohm, che da posizione molto invitante calcia incredibilmente alto graziando gli avversari. Al 25' invece serve un bel colpo di reni di Reina a salvare la Lazio sul colpo di testa di Cornelius, bravo a prendere il tempo a Marusic.

Dall’altra parte prova a farsi vedere Caicedo, murato prima provvidenzialmente da Sepe dopo un tentativo in spaccata, poi impreciso di testa a ridosso dell’intervallo su cross di Lazzari. Ad inizio ripresa è nell’aria il vantaggio della Lazio: la firma è quella di Luis Alberto su assist di Lazzari, proprio qualche istante dopo un clamoroso errore di Acerbi a porta vuota. Al 67' arriva anche il raddoppio ospite ad opera di Caicedo, che a porta spalancata non può sbagliare dopo lo scavetto di Milinkovic, chiudendo la pratica con largo anticipo.

Dopo la sconfitta contro lo Spezia di mercoledì scorso il Napoli torna al successo e lo fa per 2-1 alla "Dacia Arena" contro l’Udinese di Gotti. Il rigore trasformato da Insigne al 15' spiana la strada alla squadra di Gattuso, ma uno sfortunato retropassaggio di Rrahmani regala la più ghiotta delle occasioni a Kevin Lasagna al minuto 28: il numero 15 bianconero tutto solo scarta Meret e deposita in rete, firmando l’1-1. Nella ripresa i partenopei creano diverse occasioni ma trovano sulla loro strada uno straordinario Musso. Non può nulla, però, il portiere dei friulani, al 90' sul colpo di testa di Bakayoko.

L’Hellas Verona non vuole mollare il treno dell’Europa e s'impone 2-1 in casa ai danni del Crotone, a cui non basta una buona reazione d’orgoglio. Decidono le reti di Kalinic e Dimarco, mentre ai calabresi non basta la fiammata di Messias. La squadra di Juric continua a braccare la Lazio, mentre gli uomini di Stroppa restano ultimi a quota 9 punti.

I padroni di casa partono con il piede pigiato sull'acceleratore e al 17' trovano il varco giusto per sbloccare la gara: Barak verticalizza molto bene per Kalinic, che con un diagonale destro non lascia scampo a Cordaz e realizza l’1-0. Il Verona è in totale controllo e al 25' trova il raddoppio con Dimarco, che realizza il suo secondo gol consecutivo con un esterno mancino su assist di Zaccagni. Nella ripresa il Crotone torna in campo con un altro atteggiamento e al 55' accorcia con la mezza rovesciata di Messias su assist di Pereira. La formazione calabrese le prova tutte per riaprire il discorso, ma nel finale sono i gialloblu che sfiorano il tris con la traversa colpita da Colley.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X