Mercoledì, 30 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Battuta la Sampdoria, la Juve conquista il nono scudetto di fila
SERIE A

Battuta la Sampdoria, la Juve conquista il nono scudetto di fila

La Juve non fallisce il secondo match point: batte la Samp e conquista il suo nono scudetto di fila. Un'altra perla nella collana di scudetti della Juventus, che porta il totale a 36 o 38, come rivendica il club bianconero che considera suoi i titoli cancellati da 'Calciopoli'. Il primo tricolore di Maurizio Sarri, dopo il tris di Conte la cinquina di Allegri. L'ennesimo trionfo, piegando la concorrenza ancora una volta non troppo convinta, o non all'altezza di insidiare la leadership bianconera, l'Inter e la Lazio costrette ad 'accontentarsi' del biglietto per la Champions.

Secondo scudetto italiano per Cristiano Ronaldo, dall'alto dei suoi oltre 30 gol e del carisma sempre determinante. Uno scudetto di Sarri ma senza il 'sarrismo', progetto di gioco abbandonato dal tecnico strada facendo per adattarsi alle caratteristiche della rosa bianconera, non più così abbondante per una serie di infortuni, a cominciare da Chiellini, già fuori gioco a fine agosto, ma anche Khedira, Demiral, Douglas Costa, DeSciglio, ma anche per la cessione di Emre Can.

Se la Juventus vince il suo nono scudetto di fila, la Lazio ritrova l'ispirazione giusta, stravince a Verona con una tripletta dello scatenato Immobile, aggancia l'Atalanta, ed è a un punto dall'Inter. La volata per il secondo posto si fa incandescente e Immobile si porta a 34 gol, miglior risultato all time di un calciatore italiano, a due gol dal record di Higuain.

La Roma fortifica il suo quinto posto, che vale l'Europa League senza preliminari, superando la Fiorentina 2-1 con due rigori di Veretout, il secondo discutibile.

La serie A comincia a chiarire molti enigmi. Il Lecce perde a Bologna e si avvicina alla retrocessione perchè il Genoa dista 4 punti. A due giornate dalla fine anche la volata salvezza sembra giunta al capolinea. Fa meno male al Genoa il duro ko interno con l'Inter perchè il Lecce soccombe nella sfida spettacolare col Bologna. Non serve a niente recuperare due gol, perchè Barrow sigla il ko allo scadere. Ora sarà dura recuperare 4 punti in 180'. Approdano alla salvezza anche l'Udinese, che vince a Cagliari, e il Torino che pareggia in casa della Spal.

Inzaghi ritrova la sua Lazio nel rush finale, sbanca Verona con uno spietato 5-1 e il secondo posto ritorno in gioco. Ma l'inizio e' in salita perche' i veneti passano su rigore con Amrabat, ma in chiusura di tempo Immobile trova il pari sempre su penalty. La gara gira perche' Lazovic prende il palo, poi Milinkovic e Correa fanno la differenza e i biancazzurri tornano ai livelli pre-Covid anche perche' Immobile segna altri due gol, con un altro rigore, portandosi a due lunghezze da Higuain.

Inizio sonnacchioso tra Roma e Fiorentina, poi Dzeko mette in affanno i viola e inventa un assist per Bruno Peres che Lirola stende. L'ex Veretour trasforma il rigore. I viola reagiscono, prendono un palo con Pezzella e pareggiano di testa con Milenkovic. Ma la Roma cambia passo: pali di Mikhitarian e Kolarov, assedio e nuovo rigore che suscita vigorose proteste dei viola. Veretour fa doppietta e la Roma stacca di nuovo il Milan.
Il Bologna ritrova il successo interno dopo cinque mesi e assesta il probabile colpo del ko a un Lecce battagliero che ora avra' bisogna di un miracolo per restare in serie A. E' una gara spettacolare dominata dal Bologna che in mezz'ora segna con Palacio e Soriano e colpisce un palo con Barrow. Il Lecce si risveglia e prende in mano la gara recuperando con Mancosu e Falco che prende pure una traversa. Liverani suona la carica, sfiora la vittoria, reclama per un fallo in area nel recupero, ma sul contropiede Barrow firma una vittoria che trascina il Lecce verso la retrocessione.
Udinese e Torino blindano la salvezza in trasferta e si mettono al riparo da sorprese. I friulani passano subito con Okaka, poi controllano la gara senza particolari problemi. A Ferrara fa tutto Simone Verdi: prima coglie un legno, poi segna con un sinistro a giro di pregevole fattura, ma alla fine la Spal tira fuori l'orgoglio e trova il pari con D'Alessandro.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X