Venerdì, 10 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Champions, dall'Uefa una guida alla pronuncia corretta dei cognomi
ASSIST AI TELECRONISTI

Champions, dall'Uefa una guida alla pronuncia corretta dei cognomi

champions, Sicilia, Calcio
Gol di Cuadrado all'Inter 2016/2017

Basta con la Babele delle pronunce. Da domani torna la Champions League e l'Uefa ha deciso di mettere un po' d'ordine al disordine linguistico che spesso accompagna i nomi dei giocatori, nella presentazione delle squadre in campo e nelle telecronache. Così la Federcalcio europea ha pensato bene di pubblicare sul suo sito ufficiale una sorta di guida alla pronuncia corretta dal titolo esemplificativo ("Come pronunciare correttamente i nomi dei giocatori. leggi e impara"), con l'intento dichiarato di evitare bizzarre pronunce dei nomi dei calciatori. Una prima volta assoluta, figlia dello strapotere della tv e della Babele calcistica di giocatori da tutto il mondo.

Gli esempi sono innumerevoli - l'intento è soprattutto quello di venire incontro ai telecronisti inglesi, spesso incapaci di pronunciare correttamente cognomi italiani, spagnoli, tedeschi o turchi - e tutti messi nero su bianco sul sito dell'Uefa con le squadre indicate in ordine alfabetico, con qualche inevitabile bizzarria che non può non sfuggire, a cominciare dall'impronunciabile cognome del portiere polacco della Juventus, Wojciech Szczesny, da pronunciare adesso "Voy-check Sh-chens-nay", mentre Bernardeschi diventa "Ber-nar-desk-ee", Juan Cuadrado "Wan Kwad-rard-o" e De Sciglio "De Sheely-o". occhio anche in casa Atalanta con Hateboer che va pronunciato "Hatta-boo-er" e Pašalic "Pa-shah-litch". Per quanto riguarda Djimsiti, non si sa se è più contorta la trascrizione Uefa ("Xhimshiti") o la sua pronuncia ("Jimsh-ittee").

Ha certamente più chance di essere individuato Robert Lewandowski che l'Uefa invita a pronunciare "Levan-dovski", mentre il brasiliano Caio del Benfica, facilissimo da pronunciare in mezza Europa, si trasforma in un più criptico "Kye-oh". Il vero banco di prova per i telecronisti diventano, inevitabilmente, i nomi dei turchi del Galatasaray: Büyük diventa "Boo-yook", Selçuk Inan "Sel-chook Ee-nan" e Sener ÖzbayraklÕ un lunghissimo "Shenner Erz-by-rak-ler". Va certamente meglio agli interisti con de Vrij da pronunciare "Duv-rye", Diego Godín "God-een" e Milan Skriniar "Shkreen-yar", anche forse la palma della pronuncia più caratteristica va al 'napoletano' Elseid Hysaj: "Hoo-sigh", dove quel sigh sta per un sospiro, l'unico modo per pronunciare l'albanese. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X