Martedì, 21 Maggio 2019
CACIO

La Juve vince a Napoli e vola a +16, riparte l'Atalanta

La Juventus non fa prigionieri in campionato. A Napoli soffre ma vince comunque 2-1 salendo a +16 sugli unici inseguitori e mette in cassaforte la pratica scudetto, che per lei sarà l'ottavo consecutivo.

La sfida tra la prima e la seconda al San Paolo viene instradata al 25' da un erroraccio di Malcuit che lancia verso la propria porta Cristiano Ronaldo. Meret lo affronta facendolo cadere, viene espulso, e sulla seguente punizione Pjanic infila l'appena entrato Ospina. In inferiorità, il Napoli coglie un palo con Zielinski e sfiora ancora il gol, ma la Juve raddoppia al 39' con Emre Can. L'espulsione di Pjanic per doppia ammonizione a inizio ripresa riapre la gara. Callejon illude i suoi al 16' ma al 40' Insigne mette sul palo dal dischetto la palla del possibile pareggio, vanificando il lungo assedio partenopeo.

Intanto la volata per l'Europa si infiamma, nella giornata dedicata al ricordo di Davide Astori a un anno dalla scomparsa, anche per le vittorie di Torino, Atalanta e Sampdoria. I granata e i bergamaschi agguantano la Lazio a -3 dalla Roma, i primi con un tris finale al Chievo inspirato da Belotti e i secondi con altrettante reti alla Fiorentina, in una partita segnata anche dalla commozione generale per il capitano viola.

La Samp vola invece a Ferrara grazie a Quagliarella che, con 2 reti in 10', un palo e varie occasioni sfumate, raggiunge Ronaldo a 19 gol e si porta ad una rete da Sivori nella classifica di ogni tempo. La Spal protesta per un gol annullato dalla Var a Floccari. In zona salvezza l'Udinese inguaia il Bologna con una prodezza di Pussetto. Gli emiliani sono ora a -4 dall'Empoli e sono tallonati a un punto dal Frosinone che, in dieci per un'ora, conquista un pari prezioso in casa del Genoa.
L'Atalanta dopo due ko in campionato e il pari in Coppa a Firenze mette stavolta in riga i viola, pure andati in vantaggio in apertura con una prodezza di Muriel. Ilicic e Gomez intorno alla mezz'ora ribaltano il risultato, mettendo le basi per un successo che Gosens certifica nella ripresa per il 3-1 finale.
Chiesa lotta fino all'ultimo, ma anche la traversa gli dice no e così la Fiorentina scivola a -5 dalla zona Euroopa
Il Torino riprende la sua marcia, ma non è una passeggiata la vittoria sul Chievo che resiste fino al 31' st'. Ci vuole una prodezza di capitano Belotti, la prima del 2019, con un gran tiro da fuori area, per vincere la resistenza dei veneti che avevano sfiorato il vantaggio costringendo Sirigu a una super parata. Per il portiere ex Psg la soddisfazione del record di imbattibilità di sei partite di fila, meglio del precedente granata di Castellini. Poi il Chievo si arrende e nel finale i subentrati Rincon e Zaza confezionano un 3-0 che punisce oltre i demeriti i veneti.
Si accoda alle pretendenti per un posto all'Europa anche la Sampdoria a cui bastano 10' da superman di Fabio Quagliarella per mandare in confusione la Spal che prova invano a rientrare in partita. Ci riuscirebbe a meta' ripresa con un gol di testa di Floccari ma il Var pesca un millimetrico fuorigioco di Petagna che disturba l'intervento di Bereszynski su Floccari.
Rumoreggiano i tifosi che lasciano lo stadio, memori del recente intervento della tecnologia nella gara persa con la Fiorentina. Lo sono ancora di piu' visto che nel recupero il gol di Kurtic fissa un inutile 2-1.
Bologna nei guai per la sconfitta per 2-1 in casa dell'Udinese. Ora la salvezza si fa complicata. Il Bologna parte bene e colpisce un palo con Mbaye, poi viene tradito dall'esperto Poli che spinge in area Pussetto. De Paul con la consueta freddezza trasforma il rigore, poi pero' il forcing emiliano viene premiato da un gol dell'eterno Palacio su assist di Orsolini. L'equilibrio si rompe pero' verso la fine per una girata di testa esemplare di Pussetto, migliore in campo su assist di Larsen. L'Udinese si porta in acque tranquille, il Bologna è sempre piu' a rischio.
Punto incoraggiante per il Frosinone a Marassi. Il Genoa non ripete la gara tambureggiante offerta contro la Lazio e non riesce a sfruttare l'ora di gioco in superiorità numerica per l'improvvida espulsione di Cassata. I ciociari resistono gagliardamente e si portano a un punto dal Bologna. Ma la salvezza e' ancora lontana.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X